La Chiesa Matrice di Santa Marina Vergine, ricostruita pochi anni dopo il terremoto del 1783, è una costruzione barocca con bella facciata adorna da paraste e cornici col fastigio terminante a cuspide. L'interno, a tre navate, custodisce numerose opere d'arte, tra le quali ricordiamo: la Cappella del SS Sacramento, opera di Francesco Jerace; il Coro ligneo, eseguito dai germani Giuseppe e Giovanni Silipo, famosi ebanisti polistenesi dell'ultimo '800; numerose statue lignee; diversi pregevoli dipinti ed un numero notevole di suppellettili ed arredi sacri. 

Il soffitto della chiesa è a cassettoni ed è opera dei fratelli Mancuso, ebanisti polistenesi; al centro del soffitto è collocato un enorme dipinto ad olio su tela (dim. mt. 4x6) di C. Zimatore, raffigurante la "Risurrezione di Lazzaro".

L'opera più importante è una Deposizione in marmo, inserita in un grande altare posto alla parete di fondo del transetto destro. Ad altorilievo ma con figure che tendono quasi al tutto tondo, la pala è opera di ignoto scultore messinese della prima metà del sec. XVI.

    

La scena, organizzata su due ampi registri in corrispondenza tra loro, la Vergine, sorretta dalle pie donne e la figura del Cristo quasi schiodato, si compone di 14 figure i cui movimenti plastici, di una forte tensione muscolare hanno evidenti stilemi michelangioleschi. Inoltre, la scena è molto ricca di significati e deriva da un modello iconografico ben noto nel '500 dove nulla era casuale. Interessante è ancora la simbologia qui presente che si deve far risalire ad una tradizione figurativa antica. 

    

Il numero 7 delle figure in entrambi i registri, ricondurrebbe alla tradizione cabalistica che vede in questo numero (3+4) il numero perfetto, mistico, il simbolo dell'unione tra il dispari e il pari, il maschile e il femminile.
Allo stesso modo accanto alla croce appaiono gli antichi simboli del sole e della luna ad indicare la ciclicità del tempo naturale superato dall'eternità divina.

Comunicazioni

AVVENTO - PRIMA SETTIMANA

PER PREGARE IN FAMIGLIA

Leggi tutto...

SPESA SOSPESA

FESTA ITRIA 2020 Polistena

Ordinazione Diaconale di Antonino Napoli

Novena di Natale Duomo Polistena 

 

fatti per bene

sussidio quaresima 2019

Community HUB

AVVENTO preghiamo in famiglia

📣 COMMUNITY HUB 📣
• Spazi di comunità •

Il Centro Polifunzionale Padre Pino Puglisi continua a mantenere le proprie porte aperte per la Didattica a Distanza di bambini e ragazzi di tutte le scuole di ogni ordine e grado.

Non lasciamo indietro nessuno.
Offriamo gratuitamente gli spazi sanificati del Centro e l'accompagnamento da parte degli operatori volontari del Servizio Civile Universale.
È così che il Centro traduce in senso pieno la restituzione alla collettività dei beni confiscati alle mafie.
Da beni di pochi al bene per molti.

Per info contattare
il numero 0966 472874:
- telefonicamente dalle 09.00 alle 11.00;
- whatsapp dalle 09.00 / 11.00 e 15.00 / 17.00;

La libertà non ha pizzo.

la liberta non ha pizzo

CANALE YOUTUBE

youtube duomopol

Notizia da AGENSIR

Servizio Taxi Sociale chiama il 3206405678

diamo vita ai giorni

8xmille

AgenSIR

28 Novembre 2022

Servizio Informazione Religiosa

ORARIO MESSE - Chiesa della Trinità

Chiesa della Trinità

 

Sabato e prefestivi : ore  20.30

Festivi : ore  09.00

 

ORARIO MESSE - Chiesa Matrice S. Marina Vergine

 

Chiesa Matrice Santa Marina Vergine

Feriali:           ore 07.30  - 18.00

Sabato e  prefestivi:  ore 7.30 - 18.00

Festivi :          ore 07.30  - 10.00  - 11.30  - 18.00

 



Il vero esilio per gli Ebrei, affermava don Tonino Bello, si ebbe quando essi cominciarono a sopportarlo. Una frase che resettata ad oggi suonerebbe: "L'esilio della coscienza civile di un Paese si ha quando i cittadini cominciano a sopportarlo”. Con un po’ di storia, intelligenza e umanità intendiamo provare, facendo fino in fondo la nostra parte, a dissipare quest’ombra, lasciando nuove tracce. Con in mano e nel cuore il Vangelo di Gesù Cristo e la Costituzione repubblicana del nostro Paese, come comunità cristiana intendiamo impegnarci a condurre una lotta non violenta accanto a chi, immigrato irregolare, indigente, precario, disoccupato, indifeso, muore di troppo lavoro, di poca sicurezza, di assenza di diritti, di mancanza di tutele sociali, di mafia.