Lug 20, 2022
In evidenza

NELLA LOTTA ALLE MAFIE, IL RECUPERO DELLA MEMORIA PER OSARE L’AURORA

Nell’ambito delle feste patronali, in concomitanza  con il trentennale delle grandi stragi, in piazza della Repubblica si è svolto un interessante dibattito sul tema “A 30 anni dalle stragi, la Chiesa di fronte alle mafie”. S.E. Mons. Francesco Savino, Vescovo di Cassano allo Jonio e vicepresidente della Conferenza episcopale italiana è stato intervistato dal giornalista Michele Albanese.

Di seguito l’articolo di Attilio Sergio sulla Gazzetta del Sud del 20 luglio 2022

Le offerte delle ndrine alle Chiese vanno rifiutate

In una piazza della Repubblica gremita, Mons. Francesco Savino, vescovo di Cassano e vicepresidente della Conferenza Episcopale Italiana, raccogliendo l'invito di don Pino Demasi, nell'ambio dei festeggiamenti in onore di Santa Marina Vergine patrona della città, ha relazionato sul tema "A 30 anni dalle stragi: la chiesa di fronte alle mafie". Il vicepresidente dei vescovi italiani, nel nome di "una fede che recupera la memoria", ha chiesto a tutti di "osare di più, in quanto oggi è il tempo di attivare processi di cambiamento, rimettendo al centro l'evangelizzazione". Dopo aver definito don Pino Demasi, "un prete credibile", Mons. Savino nel dirsi contrario "alla memoria rituale", si è detto preoccupato difronte a chi anestetizza le cose drammatiche accadute, e a proposto di 'ndrangheta, ha affermato: "spara di meno ma è più pervasiva, occupa tutto ciò che va occupato, un'occupazione che toglie la libertà. Le offerte laute alle chiese che fanno le organizzazioni criminali vanno rifiutate. La legalità -ha aggiunto- è il mezzo che ci consente di raggiungere la giustizia". Nel dirsi preoccupato dall'aumento vertiginoso dell'usura e del pizzo nei territori calabresi, il vescovo di Cassano, vista la mancanza di politiche per le fasce deboli, ha detto di temere, tra qualche settimana, uno scontro sociale, in quanto la fascia della povertà sta crescendo sempre più. "La fede -ha ancora affermato Mons. Savino- deve attivare in noi processi veri di cambiamento. C'è bisogno di sinergie, chi delinque ci vuole divisi, per lottare per la legalità e il bene comune, per rompere il legame tra economia e potere mafioso. Dobbiamo costruire dal basso -ha concluso Mons. Savino- gruppi, laboratori, associazioni, tutti insieme per ribellarci alle ingiustizie. È ora di osare l'aurora, nonostante la notte". Da parte sua, don Pino Demasi ha precisato: "questa testimonianza nell'ambito della festa patronale, vuole essere segno di Chiesa tra la gente, anche perché in Calabria, una reazione vera e propria contro la 'ndranghete ancora deve arrivare. La memoria deve trasformarsi ogni giorno in impegno concreto per la legalità ed il bene comune".

Attilio Sergio

Comunicazioni

Festa di San Rocco

Novena di Natale Duomo Polistena 

 

fatti per bene

sussidio quaresima 2019

Community HUB

AVVENTO preghiamo in famiglia

📣 COMMUNITY HUB 📣
• Spazi di comunità •

Il Centro Polifunzionale Padre Pino Puglisi continua a mantenere le proprie porte aperte per la Didattica a Distanza di bambini e ragazzi di tutte le scuole di ogni ordine e grado.

Non lasciamo indietro nessuno.
Offriamo gratuitamente gli spazi sanificati del Centro e l'accompagnamento da parte degli operatori volontari del Servizio Civile Universale.
È così che il Centro traduce in senso pieno la restituzione alla collettività dei beni confiscati alle mafie.
Da beni di pochi al bene per molti.

Per info contattare
il numero 0966 472874:
- telefonicamente dalle 09.00 alle 11.00;
- whatsapp dalle 09.00 / 11.00 e 15.00 / 17.00;

La libertà non ha pizzo.

la liberta non ha pizzo

CANALE YOUTUBE

youtube duomopol

Notizia da AGENSIR

Servizio Taxi Sociale chiama il 3206405678

diamo vita ai giorni

8xmille



Il vero esilio per gli Ebrei, affermava don Tonino Bello, si ebbe quando essi cominciarono a sopportarlo. Una frase che resettata ad oggi suonerebbe: "L'esilio della coscienza civile di un Paese si ha quando i cittadini cominciano a sopportarlo”. Con un po’ di storia, intelligenza e umanità intendiamo provare, facendo fino in fondo la nostra parte, a dissipare quest’ombra, lasciando nuove tracce. Con in mano e nel cuore il Vangelo di Gesù Cristo e la Costituzione repubblicana del nostro Paese, come comunità cristiana intendiamo impegnarci a condurre una lotta non violenta accanto a chi, immigrato irregolare, indigente, precario, disoccupato, indifeso, muore di troppo lavoro, di poca sicurezza, di assenza di diritti, di mancanza di tutele sociali, di mafia.