Apr 25, 2018

Agnese Moro al Centro di Aggregazione Giovanile "Luigi Marafioti"

La forza umana di Aldo Moro: uomo e politico del dialogo. Cultura, memoria e impegno. Queste le parole chiave del momento di confronto che ieri, 25 aprile e Festa della Liberazione, sono state raccontate da Agnese Moro, figlia dell’indimenticato statista e vittima delle brigate rosse, Aldo Moro.

 

Ospitati nei locali del Centro di Aggregazione Giovanile “Luigi Marafioti”, abitato da giovani e giovanissimi della Parrocchia e dai volontari del Servizio Civile Nazionale della stessa, a dare il via all’incontro è stato don Pino Demasi, parroco del Duomo e referente territoriale di Libera – Associazioni, Nomi e Numeri contro le mafie, che fin da subito ha posto il problema di dover “rinfrescare il vezzo della memoria”.

Un colloquio davvero disteso e sereno con la giornalista e pedagogista che ha prima guidato i ragazzi in un breve racconto sulla vita del presidente della Democrazia Cristiana, per poi passare in rassegna quelli che sono stati i suoi punti cardini e obiettivi principali: dalla formazione della Costituzione alla costruzione del compromesso storico, dall'umanità delle relazioni all'instancabile ricerca del dialogo, anche tra le diversità.

La figura emersa non è stata propriamente quella di un politico dedito soltanto al proprio lavoro, ma quella di un intellettuale e di un uomo integro, che ha lottato in tutti i modi per quella che è stata definita una “rivoluzione democratica”. Un uomo che è stato parte del popolo e ha lottato per esso, un uomo che ha conosciuto l’indifferenza e l’abbandono da parte delle Istituzioni durante i 55 giorni del sequestro.

Rimane per il Paese il rammarico di aver perso un uomo che ha lottato per far vivere e rendere presenti i precetti della Costituzione. Ciò che lascia la testimonianza della figlia Agnese e del ricordo di suo padre, sono una ventata di aria fresca e rigenerante, un’esortazione ai giovani a non farsi “appiattire dall’immobilismo”, ad essere “funzionali con volontà e idee”, ad avere “la facilità di impicciarsi ai problemi della gente”.

Questo il cambiamento generato a partire da quel 9 maggio 1978.

Dalla morte di Moro nasce il senso di responsabilità dello Stato e soprattutto nasce nella comunità italiana una coscienza civica nuova, nascono quelli che per don Pino dovranno essere i “costruttori di storia, quelli che si sporcano le mani per portare avanti una resistenza dei diritti e per iniziare a parlare, a partire dal territorio della Piana, di impegno resiliente capace di cambiare il presente e costruire il futuro di questo territorio”.

Comunicazioni

Cammino di iniziazione alla vita cristiana

Orario Incontri di catechesi

Leggi tutto...

Festeggiamenti Maria SS. della Catena

MANIFESTO CATENA 2019

Lectio Divina

Lectio Divina Duomo Polistena

Comunità Parrocchiale S. Marina V. Polistena

LECTIO MENSILE (ore 21.00)
guidata da Suor Michela Refatto

 IN CAMMINO
SULLE ORME DI ABRAMO E SARA

 

   31 gennaio
Vattene Abram verso la terra  che ti indicherò

22 febbraio
L’Alleanza:  una promessa solenne di Dio

29 marzo
Il Signore ha udito il lamento di Agar

9 maggio
Il sorriso di Dio per Sara

6 giugno
Sul monte il Signore si fa vedere

 

Notizia da AGENSIR

Servizio Taxi Sociale chiama il 3206405678

diamo vita ai giorni

8xmille

AgenSIR

Servizio Informazione Religiosa

ORARIO MESSE - Chiesa della Trinità

Chiesa della Trinità

Giorni Festivi Mattina:

 ore 9:00

ORARIO MESSE - Chiesa Matrice S. Marina Vergine

 

Chiesa Matrice Santa Marina Vergine

Feriali:           ore 07.30 

Prefestivi :     ore 19.00

Festivi :          ore 07.00  - 10.00 - 11.30 - 19.00



Il vero esilio per gli Ebrei, affermava don Tonino Bello, si ebbe quando essi cominciarono a sopportarlo. Una frase che resettata ad oggi suonerebbe: "L'esilio della coscienza civile di un Paese si ha quando i cittadini cominciano a sopportarlo”. Con un po’ di storia, intelligenza e umanità intendiamo provare, facendo fino in fondo la nostra parte, a dissipare quest’ombra, lasciando nuove tracce. Con in mano e nel cuore il Vangelo di Gesù Cristo e la Costituzione repubblicana del nostro Paese, come comunità cristiana intendiamo impegnarci a condurre una lotta non violenta accanto a chi, immigrato irregolare, indigente, precario, disoccupato, indifeso, muore di troppo lavoro, di poca sicurezza, di assenza di diritti, di mancanza di tutele sociali, di mafia.