Giu 29, 2017

AL NASTRO DI PARTENZA L’ESTATE RAGAZZI 2017 SUI SENTIERI DELLA FELICITA’

Nel ricordo di don Lorenzo Milani, nel cinquantesimo della morte, con il mandato e la consegna della maglietta agli animatori da parte del Parroco, don Pino Demasi, è entrata nel vivo la ventinovesima edizione dell'Estate Ragazzi, progetto educativo - formativo organizzato dall'Associazione “Il Samaritano” e dalla Parrocchia Santa Marina Vergine di Polistena. 

Dal 1989 ad oggi un luogo, uno spazio, un'opportunità di crescita comunitaria dove insieme diverse generazioni di ragazzi stanno  scrivendo  una storia collettiva: la storia della comunità polistenese.

Il tema che quest'anno accompagnerà l'Estate Ragazzi sarà “Sui sentieri della felicità”. I bambini e i ragazzi tra tanti giochi e momenti di divertimento verranno accompagnati “sui sentieri della felicità” da una storia che proverà a mettere in luce tutte le positività e i comportamenti che possono far vivere la vita con gioia: i temi della conoscenza, dell'amicizia, del coraggio, della cura del territorio, del perdono, della fiducia reciproca favoriranno i ragazzi nella riflessione finalizzata alla costruzione di una società migliore e di un mondo più giusto.

Dal 29 giugno al 22 luglio saranno gli oltre 125 giovani animatori, coordinati dai volontari del Servizio Civile Nazionale della Parrocchia, ad intrattenere e a guidare gli oltre  500 tra bambini e ragazzi che, come ormai da tradizione, coloreranno con le loro magliette e i loro sorrisi l'estate polistenese.

Momenti di riflessione, tanta musica, giochi, tornei, balli e canti saranno indispensabili per vivere appieno questa esperienza che negli anni ha saputo essere un strumento importante per il cambiamento culturale e sociale della comunità di Polistena.

Come ogni anno la promozione della cultura di legalità e del rispetto dell'altro saranno al centro di ogni attività che i ragazzi svolgeranno.

Per questo motivo i partecipanti all’Estate Ragazzi avranno l’opportunità anche di ascoltare e di confrontarsi con personalità significative impegnate nel mondo dello sport, dell’associazionismo, delle Istituzioni e della lotta alla mafia.

Una  serie di iniziative sono previste nella  settimana a ridosso del  19 luglio , anniversario della morte di Paolo Borsellino, giorno in cui avrà luogo il consueto appuntamento della marcia silenziosa in ricordo del giudice Paolo Borsellino e di tutte le vittime innocenti delle mafie.

Anche  quest’anno,le attività  si svolgeranno negli edifici scolastici dell’Istituto comprensivo F. Jerace e nelle strutture del Centro polivalente Padre Pino Puglisi di Piazza Valarioti, vittima di mafia.

Lo spettacolo finale il 22 luglio nell’anfiteatro comunale,alla presenza delle autorità e di tutti i cittadini e che vedrà protagonisti tutti i partecipanti, segnerà la fine dell’edizione 2017 di  questa entusiasmante avventura .

Festeggiamenti religiosi in onore di Santa Marina Vergine

SANTA MARINA Festa 2017

le loro idee camminano sulle nostre gambe min

Servizio Civile 2017 - Bando e Allegati

servizio civile 2017 parrocchia sm vergine polistena

Comunicazioni

8xmille

AgenSIR

Servizio Informazione Religiosa

ORARIO MESSE - Chiesa della Trinità

Giorni prefestivi:

Ore 21:00

ORARIO MESSE - Chiesa Matrice S. Marina Vergine

 

Feriali e Prefestivi:
ore 7:15 - 19:00

Giorni Festivi Mattina:
ore 7:00 - 09.30 - 11.30

Giorni Festivi Pomeriggio:
19:30

 
 



Il vero esilio per gli Ebrei, affermava don Tonino Bello, si ebbe quando essi cominciarono a sopportarlo. Una frase che resettata ad oggi suonerebbe: "L'esilio della coscienza civile di un Paese si ha quando i cittadini cominciano a sopportarlo”. Con un po’ di storia, intelligenza e umanità intendiamo provare, facendo fino in fondo la nostra parte, a dissipare quest’ombra, lasciando nuove tracce. Con in mano e nel cuore il Vangelo di Gesù Cristo e la Costituzione repubblicana del nostro Paese, come comunità cristiana intendiamo impegnarci a condurre una lotta non violenta accanto a chi, immigrato irregolare, indigente, precario, disoccupato, indifeso, muore di troppo lavoro, di poca sicurezza, di assenza di diritti, di mancanza di tutele sociali, di mafia.