Mar 24, 2015

Anche a Polistena Festa per i 20 anni di Libera

Libera compie vent'anni! Venti anni di impegno contro le mafie e la corruzione, per costruire e seminare percorsi di legalità e giustizia.

Mercoledì 25 marzo, nel giorno del suo ventesimo anniversario, ci riuniremo alle 18.30 in piazza della Repubblica a Polistena, per festeggiare il cammino dell'associazione Libera che ha avuto, anche nella nostra terra bella e difficile, “la sana follia di anteporre al realismo del meno il desiderio del più (Don Luigi Ciotti).

Dopo i saluti del referente Don Pino Demasi,  avrà luogo il concerto dell'Orchestra del Liceo “G. Rechichi”, reduce dall'esibizione a Bologna, alla XX Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie.

La serata di condivisione si chiuderà con  un apericena.

 

Polistena, lì 23/03/2015                                                                                           

Il referente -  Don Pino  Demasi

Comunicazioni

Notizia da AGENSIR

Servizio Civile 2017 - Bando e Allegati

servizio civile 2017 parrocchia sm vergine polistena

8xmille

AgenSIR

Servizio Informazione Religiosa

ORARIO MESSE - Chiesa della Trinità

Sabato e Prefestivi

ore 21.00

ORARIO MESSE - Chiesa Matrice S. Marina Vergine

 

Feriali e Prefestivi:
ore 7:15 - 19.00

Giorni Festivi Mattina:
ore 7:00 - 09.30 - 11.30

Giorni Festivi Pomeriggio:
19.30

 
 



Il vero esilio per gli Ebrei, affermava don Tonino Bello, si ebbe quando essi cominciarono a sopportarlo. Una frase che resettata ad oggi suonerebbe: "L'esilio della coscienza civile di un Paese si ha quando i cittadini cominciano a sopportarlo”. Con un po’ di storia, intelligenza e umanità intendiamo provare, facendo fino in fondo la nostra parte, a dissipare quest’ombra, lasciando nuove tracce. Con in mano e nel cuore il Vangelo di Gesù Cristo e la Costituzione repubblicana del nostro Paese, come comunità cristiana intendiamo impegnarci a condurre una lotta non violenta accanto a chi, immigrato irregolare, indigente, precario, disoccupato, indifeso, muore di troppo lavoro, di poca sicurezza, di assenza di diritti, di mancanza di tutele sociali, di mafia.