Mar 11, 2019

BARACCOPOLI: CON LO SGOMBERO NON E’ TUTTO FINITO

Le battaglie vere – ci insegna la storia – si svolgono sul campo e vis a vis, a testa alta e con la schiena dritta. Pertantole scritte apparse, in modo anonimo, sui muri di Reggio Calabria e di Rosarno non appartengono al modus operandi di cittadini autentici. Le condanniamo non solo per la forma anonima ma anche per i contenuti.

La diversità di vedute su un determinato problema è sempre costruttiva nella misura in cui rimane nell’alveo della massima trasparenza e del rispetto delle persone e dei loro ruoli. Il problema “lavoratori migranti” della Piana di Gioia Tauro è un problema serio, che ci trasciniamo da anni e la cui soluzione non è semplice. C’è bisogno dell’impegno di tutti: istituzioni, cittadini della Piana e lavoratori migranti. Lo sgombero della baraccopoli di San Ferdinando, al punto in cui ci siamo trovati, è stato un atto dovuto e condiviso da tutte le realtà che hanno capito che non era più tollerabile che oltre un migliaio di disperati vivessero in condizioni lesive della dignità umana; che non era più tollerabile che ci fosse, nel territorio dello Stato italiano, una specie di zona franca dove non solo veniva calpestata l’umanità delle persone, ma anche la legalità.

baraccopoli sgombro1Il nostro grazie, dunque, al Prefetto Michele di Bari e al Questore Raffaele Grasso perché da veri servitori dello Stato, ognuno nel proprio ruolo si son fatti carico di un’operazione difficile coniugando umanità e legalità. Tra parentesi, approfitto di questa nota per dire un grazie sincero al Questore Grasso, che sta per lasciare il nostro territorio. Ci mancherà la sua profonda umanità, la sua signorilità, la sua professionalità ed il suo equilibrio. Ritornando alla baraccopoli, credo dunque che lo sgombero della stessa non deve passare alla storia né per un ‘operazione fortemente mediatica né per uno spot pubblicitario a favore della politica di Salvini, da cui fermamente prendiamo le distanze. Ecco perché con altrettanta chiarezza e fermezza diciamo che con lo sgombero non è tutto finito.

Anche perché ben 900 migranti sono nella tendopoli ed i 400 che sono scomparsi probabilmente sono rimasti nel nostro territorio o certamente ritorneranno per la prossima stagione della raccolta degli agrumi. E allora quale politica di accoglienza e di integrazione per i lavoratori migranti detti “economici” della Piana di Gioia Tauro? Il primo impegno, e diamo atto al Procuratore Sferlazza che si trova in prima linea in questo campo, è quello di perseguire in tutti i modi i fenomeni di sfruttamento e di caporalato. Lavoro vero e non lavoro nero; il che significa massima trasparenza del rapporto di lavoro e rispetto della dignità del lavoratore. E arriviamo quindi al problema abitazione, in quanto la tendopoli non può e non deve essere la soluzione.

Diamo ancora atto al Prefetto Di Bari di trovarsi sulla stessa lunghezza d’onda. In merito si è già pronunciato e si sta già attivando per una presenza diffusa sul territorio, mettendo a disposizione già dai prossimi giorni 30 moduli abitativi che consentirebbero di stabilizzare 250 lavoratori migranti. Ci sono poi gli alloggi costruiti ad hoc a Rosarno che senza tentennamenti vanno assegnati ai lavoratori migranti. La Regione pare sia disponibile a fornire altri moduli abitativi e anche a dare incentivi alle persone che intendono fittare le abitazioni o alle piccole aziende agricole che, oltre al lavoro vero, potrebbero offrire vitto e alloggio ai lavoratori migranti. Soluzioni tutte buone e realizzabili in poco tempo. Deve essere però chiaro che non solo le istituzioni ma le organizzazioni di categoria del settore agricolo e tutti i cittadini dobbiamo guardare e contribuire alla soluzione positiva del problema, partendo dal fatto che i migranti non sono un peso, un problema ma una ricchezza. Un’ultima cosa intendo sottolineare.

La distruzione della baraccopoli ha prodotto una quantità enorme di rifiuti che vanno smaltiti correttamente e in tempi accettabili. Su questo chiedo a tutti il massimo impegno e la massima vigilanza per non creare ulteriori problemi a questo territorio.

don Pino Demasi

 baraccopoli sgombro2

 

Comunicazioni

Cammino di iniziazione alla vita cristiana

Orario Incontri di catechesi

Leggi tutto...

Festeggiamenti Maria SS. della Catena

MANIFESTO CATENA 2019

Lectio Divina

Lectio Divina Duomo Polistena

Comunità Parrocchiale S. Marina V. Polistena

LECTIO MENSILE (ore 21.00)
guidata da Suor Michela Refatto

 IN CAMMINO
SULLE ORME DI ABRAMO E SARA

 

   31 gennaio
Vattene Abram verso la terra  che ti indicherò

22 febbraio
L’Alleanza:  una promessa solenne di Dio

29 marzo
Il Signore ha udito il lamento di Agar

9 maggio
Il sorriso di Dio per Sara

6 giugno
Sul monte il Signore si fa vedere

 

Notizia da AGENSIR

Servizio Taxi Sociale chiama il 3206405678

diamo vita ai giorni

8xmille

AgenSIR

Servizio Informazione Religiosa

ORARIO MESSE - Chiesa della Trinità

Chiesa della Trinità

Giorni Festivi Mattina:

 ore 9:00

ORARIO MESSE - Chiesa Matrice S. Marina Vergine

 

Chiesa Matrice Santa Marina Vergine

Feriali:           ore 07.30 

Prefestivi :     ore 19.00

Festivi :          ore 07.00  - 10.00 - 11.30 - 19.00



Il vero esilio per gli Ebrei, affermava don Tonino Bello, si ebbe quando essi cominciarono a sopportarlo. Una frase che resettata ad oggi suonerebbe: "L'esilio della coscienza civile di un Paese si ha quando i cittadini cominciano a sopportarlo”. Con un po’ di storia, intelligenza e umanità intendiamo provare, facendo fino in fondo la nostra parte, a dissipare quest’ombra, lasciando nuove tracce. Con in mano e nel cuore il Vangelo di Gesù Cristo e la Costituzione repubblicana del nostro Paese, come comunità cristiana intendiamo impegnarci a condurre una lotta non violenta accanto a chi, immigrato irregolare, indigente, precario, disoccupato, indifeso, muore di troppo lavoro, di poca sicurezza, di assenza di diritti, di mancanza di tutele sociali, di mafia.