Gen 19, 2016

Che bello...il perdono è una festa!

Lunedì 18 e Martedì 19 gennaio, 94 bambini della nostra comunità, in due turni, si sono accostati per la prima volta al sacramento della confessione.

Un momento molto bello e vissuto con molta emozione sia dai bambini che dai loro genitori.

Un momento a cui sia i bambini che i genitori sono arrivati dopo un cammino intenso di  preparazione, durante il quale il perdono è stato presentato come un dono da ricevere e da dare nella vita di ogni giorno. Impresa questa non facile in un territorio dove c’è più spazio per le inimicizie e per le faide ad ogni livello e non per il perdono.

La celebrazione della prima confessione,  guidata dalla riflessione di don Pino sulla Parabola del Padre misericordioso, è stata accompagnata da alcuni gesti.

Nei giorni precedenti la confessione, i bambini hanno disegnato e colorato l’immagine di un grappolo d’uva che, terminata la confessione individuale, hanno appeso ad una vite.

Significativo anche il gesto di pace – perdono reciproco che si sono scambiati tra di loro e con i genitori. Come pure sono stati molto importanti per i ragazzi gli altri simboli, quali l’accensione  di tutte le luci della Chiesa dopo la Confessione ed il  cambio dell’abito liturgico del Sacerdote ( dal violaceo al giallo oro, colore della festa).Al termine della confessione è stato consegnata ad ogni bambino la pergamena ricordo.

Una serata di allegria e l’agape fraterna con  il taglio della torta, Giovedì 20 al Centro di aggregazione Luigi Marafioti, hanno concluso questo momento importante nella vita dei ragazzi.

Comunicazioni

Scarica l'opuscolo per la Quaresima 2018

Quaresima 2018

Servizio Civile 2017 - Bando e Allegati

servizio civile 2017 parrocchia sm vergine polistena

8xmille

AgenSIR

Servizio Informazione Religiosa

ORARIO MESSE - Chiesa della Trinità

Giorni Festivi

ore 09.00

ORARIO MESSE - Chiesa Matrice S. Marina Vergine

 

Feriali e Prefestivi:
ore 7:15 - 18.00

Giorni Festivi Mattina:
ore 7:00 - 10.00 - 11.30

Giorni Festivi Pomeriggio:
18.00

 
 



Il vero esilio per gli Ebrei, affermava don Tonino Bello, si ebbe quando essi cominciarono a sopportarlo. Una frase che resettata ad oggi suonerebbe: "L'esilio della coscienza civile di un Paese si ha quando i cittadini cominciano a sopportarlo”. Con un po’ di storia, intelligenza e umanità intendiamo provare, facendo fino in fondo la nostra parte, a dissipare quest’ombra, lasciando nuove tracce. Con in mano e nel cuore il Vangelo di Gesù Cristo e la Costituzione repubblicana del nostro Paese, come comunità cristiana intendiamo impegnarci a condurre una lotta non violenta accanto a chi, immigrato irregolare, indigente, precario, disoccupato, indifeso, muore di troppo lavoro, di poca sicurezza, di assenza di diritti, di mancanza di tutele sociali, di mafia.