Giu 13, 2017

Con una devota e partecipata fiaccolata, concluso il Mese di Maggio, dedicato alla Madonna

La nostra  Parrocchia ha vissuto in modo molto intenso questo mese di Maggio dell’anno mariano diocesano. Il nome di Maria sotto vari titoli  è risuonato continuamente nella Chiesa Parrocchiale, nel Santuario della Madonna dell’Itria e nella Chiesa della Madonna della Catena. Tre luoghi simbolo dove  i fedeli quotidianamente si sono riuniti per venerare la Madre di Dio e Madre nostra.

La festa in onore della Madonna della Catena e la breve missione eucaristica-mariana sono stati momenti molto belli ed  intensi, che hanno visto la nostra comunità radunarsi non solo per pregare e onorare Maria ma a nche per  riflettere sul significato profondo della devozione mariana e sulle ricadute nella vita quotidiana di ogni singolo credente e di tutta la comunità.

Riuscita anche quest’anno l’iniziativa della “Messa di quartiere”, che ha permesso di portare ai lontani la testimonianza della vita di Maria.

Il mese di maggio si è concluso poi come ogni anno, la sera del 31, sul piazzale Trinità, da dove, dopo la celebrazione della Santa Messa e l’affidamento dei bambini alla Madonna, si è snodata una partecipatissima fiaccolata in onore dell’Odigitria.

Servizio Civile 2017 - Bando e Allegati

servizio civile 2017 parrocchia sm vergine polistena

Comunicazioni

8xmille

AgenSIR

Servizio Informazione Religiosa

ORARIO MESSE - Chiesa della Trinità

Giorni festivi:

Ore 09:00

ORARIO MESSE - Chiesa Matrice S. Marina Vergine

 

Feriali e Prefestivi:
ore 7:15 - 19:00

Giorni Festivi Mattina:
ore 7:00 - 10:00 - 11.30

Giorni Festivi Pomeriggio:
19:00

 
 



Il vero esilio per gli Ebrei, affermava don Tonino Bello, si ebbe quando essi cominciarono a sopportarlo. Una frase che resettata ad oggi suonerebbe: "L'esilio della coscienza civile di un Paese si ha quando i cittadini cominciano a sopportarlo”. Con un po’ di storia, intelligenza e umanità intendiamo provare, facendo fino in fondo la nostra parte, a dissipare quest’ombra, lasciando nuove tracce. Con in mano e nel cuore il Vangelo di Gesù Cristo e la Costituzione repubblicana del nostro Paese, come comunità cristiana intendiamo impegnarci a condurre una lotta non violenta accanto a chi, immigrato irregolare, indigente, precario, disoccupato, indifeso, muore di troppo lavoro, di poca sicurezza, di assenza di diritti, di mancanza di tutele sociali, di mafia.