2017 - Parrocchia Santa Marina Vergine - Duomo di Polistena

Don Pino Demasi accusa la zona grigia, fatta di alleanze, omissioni e un silenzio complice. «E oggi c’è anche una…
“Dipingi le piazze di Pace”, l’iniziativa  che le fraternità della Gi.Fra d’Italia realizzano ogni anno per  dare sostegno  al messaggio…
Vita, vita,vita”: così, in tanti, bambini, nonni e genitori, hanno gridato forte l’amore per la vita come dono sacro, facendo…
Dopo un lungo e sofferto periodo di malattia, sr Maria Cristina De Candido, già Superiora  Generale della Congregazione delle Suore…
Si chiama alternanza scuola-lavoro e intende fornire ai giovani, oltre alle conoscenze di base, quelle competenze necessarie a inserirsi nel…
Gentilissimo Ingegnere Scura, sono un sacerdote della Piana di Gioia Tauro, Parroco a Polistena.Chiedo scusa se vengo ad “importunarla”. Ma mi…
"La nostra libertà per liberare chi libero non è". Lo ha detto don Luigi Ciotti, ieri sera, incontrando, nel quartiere…
Dal 22 al 24 Febbraio 2017 la Statua della Madonna di Fatima sarà accolta a Polistena nella Parrocchia Santa Marina…
GIORNATA DEL PENSIERO 2017 - “ Da un piccolo seme può nascere un albero immenso”. La Giornata del Pensiero 2017, festeggiata Domenica…
Pagina 1 di 3

Pasqua 2017

pasqua 2017

Cammino di Quaresima 2017

quaresima 2017

Rassegna Cinematografica

locandina Cineforum

Servizio Civile Nazionale

servizio civile nazionale

Comunicazioni

8xmille

AgenSIR

Servizio Informazione Religiosa

ORARIO MESSE - Chiesa della Trinità

Giorni festivi:

Ore 09:00

ORARIO MESSE - Chiesa Matrice S. Marina Vergine

Feriali e Prefestivi:
ore 7:15 - 19:00

Giorni Festivi Mattina:
ore 7:00 - 10:00 - 11.30

Giorni Festivi Pomeriggio:
19:00

 
 



Il vero esilio per gli Ebrei, affermava don Tonino Bello, si ebbe quando essi cominciarono a sopportarlo. Una frase che resettata ad oggi suonerebbe: "L'esilio della coscienza civile di un Paese si ha quando i cittadini cominciano a sopportarlo”. Con un po’ di storia, intelligenza e umanità intendiamo provare, facendo fino in fondo la nostra parte, a dissipare quest’ombra, lasciando nuove tracce. Con in mano e nel cuore il Vangelo di Gesù Cristo e la Costituzione repubblicana del nostro Paese, come comunità cristiana intendiamo impegnarci a condurre una lotta non violenta accanto a chi, immigrato irregolare, indigente, precario, disoccupato, indifeso, muore di troppo lavoro, di poca sicurezza, di assenza di diritti, di mancanza di tutele sociali, di mafia.