Giu 25, 2019

E’ il Tempo dell’impegno…Ripartiamo dal Sud

Il nostro Parroco incontra una delegazione della CGIL di Torino.

Nell'ambito dell'iniziativa comune sui temi della legalità e dell'accoglienza, promossa da Cgil Piana e Cgil Torino, è stata a Polistena, prima al Centro aziendale agricolo della cooperativa sociale "Valle del Marro - Libera Terra", e subito dopo al Centro polifunzionale "Padre Pino Puglisi", all'interno del palazzo confiscato nel quartiere Catena, una nutrita rappresentanza della Camera del Lavoro di Torino. La delegazione della Cgil di Torino ha incontrato don Pino Demasi, referente di Libera per la Piana. "Territorio degli uomini senza", senza diritto alla salute, al lavoro e allo studio, così don Pino Demasi ha descritto lo stato attuale della Piana di Gioia Tauro, ricordando che la storia della Piana "è una storia di diritti infranti, dove la dignità delle persone è continuamente calpestata e dove oggi la 'ndrangheta non è più solo connivenza ma è diventata politica".

Certo don Pino Demasi ha anche raccontato una storia positiva, quella rappresentata da una schiera di ragazzi impegnati nella Piana nella lotta alle mafie, di giornalisti, rappresentati della chiesa e sindaci, che hanno voglia di cambiare e voltare pagina. Nel ricordare lo slogan coniato 30 anni fa dai giovani della parrocchia del Duomo cittadino, "cambiare per restare, restare per cambiare", divenuto, per tanti ragazzi, progetto di vita, don Pino Demasi ha sottolineato l'impegno, in città, da 31 anni, dell'Estate Ragazzi in una logica di cambiamento e di lotta alla 'ndrangheta. Ha ricordato come a Polistena è nata la prima cooperativa sociale di Libera, impegnata a gestire, creando economia e sviluppo, i terreni confiscati ai boss.

Ha anche parlato dei palazzi confiscati a Gioia Tauro e Polistena, utilizzati dalla Chiesa per suscitare nei giovani e negli adulti un nuovo innamoramento verso la propria terra. Ha anche raccontato la storia del palazzo confiscato di 6 piani nel  quartiere Catena, che, grazie alla parrocchia del Duomo, ospita il Centro polifunzionale Don Pino Puglisi, il Centro di aggregazione giovanile "Luigi Marafioti", il poliambulatorio di Emergency, nonché l'ostello per i partecipanti ai campi estivi di Libera e la bottega con i prodotti della coop "Valle del Marro-Libera Terra", e la sede del Lions Club locale con uno sportello per i diritti dei migranti. Certo don Pino, rispondendo alle domande giunte dai rappresentanti della Cgil di Torino, ha dovuto ammettere che nella Piana "non sempre troviamo condizioni favorevoli", in quanto "manca uno Stato sociale" e i giovani della Piana "sono costretti ad emigrare in cerca di lavoro". Per don 

Pino Demasi, occorre "riprendere in mano la questione morale, ripartendo quindi dal Sud per far ripartire l'Italia in un modo nuovo. Non è il tempo del silenzio -ha aggiunto don Pino- è il tempo dell'impegno, dell'umiltà, partendo dalla Costituzione e avendo una nuova passione per 
il bene comune e la tutela dei diritti".

Attilio Sergio


 

Comunicazioni

DAL 2 OTTOBRE IL CORSO DI PREPARAZIONE AL MATRIMONIO

Leggi tutto...

Visita Pastorale di Mons. Francesco Milito

Visita pastorale Polistena 2019

Pianeta terra: La nostra casa comune

sciopero 27 settembre 2019 ambiente polistena

Servizio Civile Universale 2019 - Bando e Allegati

bando servizio civile Polistena 2019

Notizia da AGENSIR

Servizio Taxi Sociale chiama il 3206405678

diamo vita ai giorni

8xmille

AgenSIR

Servizio Informazione Religiosa

ORARIO MESSE - Chiesa della Trinità

Chiesa della Trinità

Festivi :          ore 09.00

ORARIO MESSE - Chiesa Matrice S. Marina Vergine

 

Chiesa Matrice Santa Marina Vergine

Feriali:           ore 07.30  - 18.30

Prefestivi :     ore 18.30

Festivi :          ore 07.00  - 10.00 - 11.30 - 18.30



Il vero esilio per gli Ebrei, affermava don Tonino Bello, si ebbe quando essi cominciarono a sopportarlo. Una frase che resettata ad oggi suonerebbe: "L'esilio della coscienza civile di un Paese si ha quando i cittadini cominciano a sopportarlo”. Con un po’ di storia, intelligenza e umanità intendiamo provare, facendo fino in fondo la nostra parte, a dissipare quest’ombra, lasciando nuove tracce. Con in mano e nel cuore il Vangelo di Gesù Cristo e la Costituzione repubblicana del nostro Paese, come comunità cristiana intendiamo impegnarci a condurre una lotta non violenta accanto a chi, immigrato irregolare, indigente, precario, disoccupato, indifeso, muore di troppo lavoro, di poca sicurezza, di assenza di diritti, di mancanza di tutele sociali, di mafia.