Giu 23, 2015

I chierichetti concludono l'anno con un'uscita a San Giorgio Morgeto

Anche per i chierichetti della nostra è passato un altro anno al servizio della comunità. Abbiamo avuto come guida il diacono Mimmo Berlingeri, che ci ha seguito con dedizione e passione, insieme al parroco don Pino e don Rosario. Durante gli incontri abbiamo imparato a conoscerci meglio l’un l’altro e ad aiutarci nei momenti del bisogno.

Abbiamo cercato di servire l’altare con costanza e con la gioia dello stare sempre accanto al Signore, anche se ogni tanto con qualche distrazione. Per concludere l’anno abbiamo organizzato una breve uscita a San Giorgio Morgeto per divertirci e verificare ciò che abbiamo imparato. Purtroppo non tutti siamo stati presenti, per vari motivi, ma nonostante le assenze, l’esperienza è stata molto positiva. Prima siamo andati al castello dove tutti insieme abbiamo riflettuto sul vangelo della “pesca miracolosa” (Gv 21) e ci siamo immedesimati nei personaggi del vangelo, aiutati dalle domande che Mimmo e don Rosario ci hanno proposto. Dopo abbiamo trascorso un po’ di tempo giocando e più tardi ci siamo incamminati verso la piazza del paese attraverso le vie strette di San Giorgio. Abbiamo poi visitato la bottega equo-solidale dove ci hanno spiegato come vengono fatti i vari oggetti provenienti dai Paesi più poveri del mondo, come la cioccolata. Una nuova forma di solidarietà che non conoscevamo. Abbiamo terminato la giornata condividendo e mangiando una pizza tutti insieme. Ci vediamo a Settembre. I ministranti di Santa Marina.


Ilaria Calopresti, Angelo Cappello e Adriano Cappello

 

Comunicazioni

Notizia da AGENSIR

Servizio Civile 2017 - Bando e Allegati

servizio civile 2017 parrocchia sm vergine polistena

8xmille

AgenSIR

Servizio Informazione Religiosa

ORARIO MESSE - Chiesa della Trinità

Sabato e Prefestivi

ore 21.00

ORARIO MESSE - Chiesa Matrice S. Marina Vergine

 

Feriali e Prefestivi:
ore 7:15 - 19.00

Giorni Festivi Mattina:
ore 7:00 - 09.30 - 11.30

Giorni Festivi Pomeriggio:
19.00

 
 



Il vero esilio per gli Ebrei, affermava don Tonino Bello, si ebbe quando essi cominciarono a sopportarlo. Una frase che resettata ad oggi suonerebbe: "L'esilio della coscienza civile di un Paese si ha quando i cittadini cominciano a sopportarlo”. Con un po’ di storia, intelligenza e umanità intendiamo provare, facendo fino in fondo la nostra parte, a dissipare quest’ombra, lasciando nuove tracce. Con in mano e nel cuore il Vangelo di Gesù Cristo e la Costituzione repubblicana del nostro Paese, come comunità cristiana intendiamo impegnarci a condurre una lotta non violenta accanto a chi, immigrato irregolare, indigente, precario, disoccupato, indifeso, muore di troppo lavoro, di poca sicurezza, di assenza di diritti, di mancanza di tutele sociali, di mafia.