Nov 29, 2016

Il Vescovo di Locri-Gerace apre l’anno pastorale della nostra Parrocchia

E’ stato don Franco Oliva, Vescovo di Locri - Gerace ad inaugurare l’anno pastorale della nostra Parrocchia.

In una Chiesa gremita di coppie di sposi – genitori, il Vescovo, con un linguaggio semplice, chiaro e, soprattutto, concreto, partendo dall’enciclica di Papa Francesco Amoris laetitia, ha annunciato ai presenti la gioia del Vangelo della famiglia.

Ridare centralità alla famiglia, riconoscere quella centralità che essa ha nella vita delle persone, della società, della Chiesa attraverso la cura delle relazioni tra coniugi, tra genitori e figli, tra famiglia e comunità ecclesiale e società civile: è stata questa la consegna abbastanza impegnativa che il Vescovo ha voluto lasciare ai presenti.

Un obbiettivo molto bello sul quale la nostra comunità si sente impegnata già da molto tempo e che, dopo questo incontro,intende impegnarsi con maggiore passione e slancio.

Comunicazioni

Scarica l'opuscolo per la Quaresima 2018

Quaresima 2018

Servizio Civile 2017 - Bando e Allegati

servizio civile 2017 parrocchia sm vergine polistena

8xmille

AgenSIR

Servizio Informazione Religiosa

ORARIO MESSE - Chiesa della Trinità

Giorni Festivi

ore 09.00

ORARIO MESSE - Chiesa Matrice S. Marina Vergine

 

Feriali e Prefestivi:
ore 7:15 - 18.00

Giorni Festivi Mattina:
ore 7:00 - 10.00 - 11.30

Giorni Festivi Pomeriggio:
18.00

 
 



Il vero esilio per gli Ebrei, affermava don Tonino Bello, si ebbe quando essi cominciarono a sopportarlo. Una frase che resettata ad oggi suonerebbe: "L'esilio della coscienza civile di un Paese si ha quando i cittadini cominciano a sopportarlo”. Con un po’ di storia, intelligenza e umanità intendiamo provare, facendo fino in fondo la nostra parte, a dissipare quest’ombra, lasciando nuove tracce. Con in mano e nel cuore il Vangelo di Gesù Cristo e la Costituzione repubblicana del nostro Paese, come comunità cristiana intendiamo impegnarci a condurre una lotta non violenta accanto a chi, immigrato irregolare, indigente, precario, disoccupato, indifeso, muore di troppo lavoro, di poca sicurezza, di assenza di diritti, di mancanza di tutele sociali, di mafia.