Feb 23, 2017

La Peregrinatio Mariae un momento di grazia per la nostra comunità

Con grande gioia  ed intensa devozione, la nostra comunità parrocchiale, in tutte le sue componenti, ha  accolto la statua della Madonna di Fatima, nell’ambito della Peregrinatio Mariae, promossa  dalla Diocesi  in quest’anno mariano diocesano.

L’impatto che nella nostra Parrocchia ha avuto la Peregrinatio è stato certamente notevole non solo e non tanto per il fatto che ha riunito  insieme un gran numero di fedeli, ma soprattutto  per l’opportunità  che ha offerto di annunciare ancora una volta un  messaggio di misericordia, di speranza, di conforto per il mondo di oggi.

Possiamo certamente affermare che la visita della statua  della Madonna di Fatima,  con i vari momenti di preghiera e celebrativi, e soprattutto con gli  incontri di catechesi e di formazione, è stata un "momento favorevole" che il Signore ci ha concesso di vivere per ravvivare la nostra esperienza di fede e per continuare il nostro cammino di conversione e  di incontro con il Cristo, a cui Maria ci conduce.

Comunicazioni

Solenne Veglia di Pentecoste

pentecoste
Sabato 8 giugno - ore 19.00

Lectio Divina

Lectio Divina Duomo Polistena

Comunità Parrocchiale S. Marina V. Polistena

LECTIO MENSILE (ore 21.00)
guidata da Suor Michela Refatto

 IN CAMMINO
SULLE ORME DI ABRAMO E SARA

 

   31 gennaio
Vattene Abram verso la terra  che ti indicherò

22 febbraio
L’Alleanza:  una promessa solenne di Dio

29 marzo
Il Signore ha udito il lamento di Agar

9 maggio
Il sorriso di Dio per Sara

13 giugno
Sul monte il Signore si fa vedere

 

Notizia da AGENSIR

Servizio Taxi Sociale chiama il 3206405678

diamo vita ai giorni

8xmille

AgenSIR

Servizio Informazione Religiosa

ORARIO MESSE - Chiesa della Trinità

Chiesa della Trinità

Giorni Festivi Mattina:

 ore 9:00

ORARIO MESSE - Chiesa Matrice S. Marina Vergine

 

Chiesa Matrice Santa Marina Vergine

Feriali:           ore 07.30 

Prefestivi :     ore 19.00

Festivi :          ore 07.00  - 10.00 - 11.30 - 19.00



Il vero esilio per gli Ebrei, affermava don Tonino Bello, si ebbe quando essi cominciarono a sopportarlo. Una frase che resettata ad oggi suonerebbe: "L'esilio della coscienza civile di un Paese si ha quando i cittadini cominciano a sopportarlo”. Con un po’ di storia, intelligenza e umanità intendiamo provare, facendo fino in fondo la nostra parte, a dissipare quest’ombra, lasciando nuove tracce. Con in mano e nel cuore il Vangelo di Gesù Cristo e la Costituzione repubblicana del nostro Paese, come comunità cristiana intendiamo impegnarci a condurre una lotta non violenta accanto a chi, immigrato irregolare, indigente, precario, disoccupato, indifeso, muore di troppo lavoro, di poca sicurezza, di assenza di diritti, di mancanza di tutele sociali, di mafia.