Giu 4, 2019

LABORATORIO DI LETTURA CREATIVA “LA FABBRICA DELLE PAROLE”

Un'altra importante iniziativa ha animato, nei mesi scorsi, le giornate e le attività del Centro di Aggregazione Giovanile “Luigi Marafioti”.

 

Si è concluso ieri, infatti, il Laboratorio di lettura creativa “La Fabbrica delle parole”, organizzato in collaborazione con l'Associazione socio-culturale “Arte che parla” e grazie all'impegno di Simona Mileto e Amalia Papasidero.

Quattro appuntamenti hanno accompagnato i bambini e le bambine che frequentano il Centro nel mondo della narrativa attraverso miti e leggende.

Il gioco e le attività di disegno hanno rappresentato l'elemento di novità e di apprendimento fondamentale per far conoscere i racconti del Piccolo Principe, del mito di Persefone e di Re Artù.

Il laboratorio, che ha suscitato particolare interesse nei ragazzi, ha rappresentato un ulteriore momento di crescita e di bellezza collettiva fondato su una proficua collaborazione tra realtà associative.

Bellezza e cultura che continuano e continueranno a generare comunità.

Quella comunità che attraverso il riutilizzo sociale dei beni confiscati si è messa in cammino per liberarsi dalle mafie e per costruire un mondo più giusto e solidale.

fab2 fab3

Comunicazioni

Festeggiamenti di San Rocco

SAN ROCCO Polistena 2019

Festeggiamenti Santa Marina Vergine - Patrona della Città

SANTA MARINA Festa 2019

Libero Cinema in Libera Terra 2019

Libero Cinema in Libera Terra

Festeggiamenti Maria SS. dell'Itria

Maria SS Itria Polistena

Notizia da AGENSIR

Servizio Taxi Sociale chiama il 3206405678

diamo vita ai giorni

8xmille

AgenSIR

Servizio Informazione Religiosa

ORARIO MESSE - Chiesa della Trinità

Chiesa della Trinità

Sabato e prefestivi:

 ore 21.00

ORARIO MESSE - Chiesa Matrice S. Marina Vergine

 

Chiesa Matrice Santa Marina Vergine

Feriali:           ore 07.30 

Prefestivi :     ore 19.00

Festivi :          ore 07.00  - 09.30 - 11.30 - 19.30



Il vero esilio per gli Ebrei, affermava don Tonino Bello, si ebbe quando essi cominciarono a sopportarlo. Una frase che resettata ad oggi suonerebbe: "L'esilio della coscienza civile di un Paese si ha quando i cittadini cominciano a sopportarlo”. Con un po’ di storia, intelligenza e umanità intendiamo provare, facendo fino in fondo la nostra parte, a dissipare quest’ombra, lasciando nuove tracce. Con in mano e nel cuore il Vangelo di Gesù Cristo e la Costituzione repubblicana del nostro Paese, come comunità cristiana intendiamo impegnarci a condurre una lotta non violenta accanto a chi, immigrato irregolare, indigente, precario, disoccupato, indifeso, muore di troppo lavoro, di poca sicurezza, di assenza di diritti, di mancanza di tutele sociali, di mafia.