Feb 11, 2016

Marco Tullio Giordana e l’attore reggino Alessio Pratticò tra i nostri ragazzi

Marco Tullio Giordana e l’attore  reggino Alessio Pratticò  tra i nostri ragazzi. Nel suo contatto diretto con  la “meglio Calabria”, il regista de “la meglio gioventù” ha voluto, anche se non in programma, fermarsi a Polistena.

Al Centro Polifunzionale Padre Pino Puglisi, nei locali del Centro di aggregazione giovanile “L.Marafioti”, Marco Tullio Giordana e l’attore  reggino Alessio Pratticò ,che nel film LEA interpreta il ruolo del compagno/assassino Carlo Cosco, hanno incontrato un nutrito gruppo dei nostri giovanissimi e giovani.

Ne è venuto fuori un dialogo interessante, durante il quale si è parlato di un cinema che apre la mente,  scuote le coscienze e favorisce l’impegno antimafia.

Da Marco Tullio e da Alessio un invito ai ragazzi a non arrendersi ma  a trovare la forza ed il coraggio per lavorare per il cambiamento, nel nome di Lea, di Denise, di Peppino, ma  anche di tanti ragazzi e ragazze calabresi che hanno  avuto il  coraggio di ribellarsi.           

Comunicazioni

Avvento 2020 - Preghiamo in famiglia

TIMETOCARE E' tempo di aver cura.

Graduatoria Curriculum Vitae Progetto Time To Care banner

 

La libertà non ha pizzo.

la liberta non ha pizzo

CANALE YOUTUBE

youtube duomopol

Emergenza coronavirus - Continua il Servizio di assistenza gratuita a chi si trova in difficoltà

Locandina azioni di solidarietaa 2

 

Notizia da AGENSIR

Servizio Taxi Sociale chiama il 3206405678

diamo vita ai giorni

8xmille

ORARIO MESSE - Chiesa della Trinità

Chiesa della Trinità

Sabato e prefestivi : ore  20.00

 

ORARIO MESSE - Chiesa Matrice S. Marina Vergine

 

Chiesa Matrice Santa Marina Vergine

Feriali:           ore 07.30  - 18.00

Sabato e  prefestivi:  ore 7.30 - 18.00

Festivi :          ore 07.00  - 09.00 - 10.00 - 11.30  - 18.00

 La messa delle 11.30 sarà trasmessa in diretta sulle pagine FB e sul canale Youtube "Parrocchia Santa Marina vergine- Duomo di Polistena"



Il vero esilio per gli Ebrei, affermava don Tonino Bello, si ebbe quando essi cominciarono a sopportarlo. Una frase che resettata ad oggi suonerebbe: "L'esilio della coscienza civile di un Paese si ha quando i cittadini cominciano a sopportarlo”. Con un po’ di storia, intelligenza e umanità intendiamo provare, facendo fino in fondo la nostra parte, a dissipare quest’ombra, lasciando nuove tracce. Con in mano e nel cuore il Vangelo di Gesù Cristo e la Costituzione repubblicana del nostro Paese, come comunità cristiana intendiamo impegnarci a condurre una lotta non violenta accanto a chi, immigrato irregolare, indigente, precario, disoccupato, indifeso, muore di troppo lavoro, di poca sicurezza, di assenza di diritti, di mancanza di tutele sociali, di mafia.