Nov 30, 2016

Messaggio del Parroco per l’Avvento - Nell’attesa della sua venuta scegli il bene con gioia

E’ tempo di Avvento, tempo in cui la Chiesa ci aiuta a ricordare che stiamo aspettando la venuta del Signore. Ma Gesù non è già venuto? Certo, ma ci ha promesso che ritornerà, l’ha promesso agli Apostoli dopo la Resurrezione. Ma quando tornerà? Non sappiamo quando, ma siamo certi che ritornerà e perciò lo aspettiamo.

La liturgia dell’Avvento ci invita ad aspettarlo vegliando e pregando.

All’indomani della chiusura del Giubileo della Misericordia, durante il quale abbiamo sperimentato la gioia del sentirci amati dal Signore e durante il quale abbiamo imparato a mostrare sempre il volto misericordioso di Dio Padre a chi ci è accanto, vogliamo, come ci ha esortato Papa Francesco nella Misericordia et Misera “guardare avanti e comprendere come continuare con fedeltà, gioia ed entusiasmo a sperimentare la ricchezza della misericordia divina”.

Da qui lo slogan che ci deve accompagnare in questo tempo di Avvento e di Natale: “Nell’attesa della sua venuta scegli il bene con gioia”.

Cosa significa scegliere il bene, se non seguire Gesù. E’ l’incontro con Lui che ci cambia la vita e ci riempie di gioia.

Per questo la Preghiera individuale, in famiglia e nella comunità parrocchiale, oltre la celebrazione Eucaristica domenicale debbono essere appuntamenti normali nella nostra vita. Il procurare giorni felici a tutti, attraverso relazioni autentiche e gesti concreti di condivisione, di consolazione e di misericordia, come ci ha indicato Papa Francesco nella citata lettera apostolica Misericordia et Misera, sono gli altri ingredienti dello scegliere il bene.

Il tutto nella gioia, quella gioia grandissima che provarono i Magi al vedere la stella che indicava la presenza del bambino Gesù, quella stessa grande gioia che l’angelo ha annunciato ai pastori di Betlemme, dicendo:”è nato per voi”.

Interessante a proposito quanto Papa Francesco scrive nella citata lettera apostolica: “Come sono significative anche per noi le parole antiche che guidavano i primi cristiani: «Rivestiti di gioia che è sempre gradita a Dio e gli è accetta. In essa si diletta. Ogni uomo gioioso opera bene, pensa bene e disprezza la tristezza [...] Vivranno in Dio quanti allontanano la tristezza e si rivestono di ogni gioia».[ Fare esperienza della misericordia dona gioia. Non lasciamocela portar via dalle varie afflizioni e preoccupazioni. Possa rimanere ben radicata nel nostro cuore e farci guardare sempre con serenità alla vita quotidiana.

In una cultura spesso dominata dalla tecnica, sembrano moltiplicarsi le forme di tristezza e solitudine in cui cadono le persone, e anche tanti giovani. Il futuro infatti sembra essere ostaggio dell’incertezza che non consente di avere stabilità. È così che sorgono spesso sentimenti di malinconia, tristezza e noia, che lentamente possono portare alla disperazione. C’è bisogno di testimoni di speranza e di gioia vera, per scacciare le chimere che promettono una facile felicità con paradisi artificiali. Il vuoto profondo di tanti può essere riempito dalla speranza che portiamo nel cuore e dalla gioia che ne deriva. C’è tanto bisogno di riconoscere la gioia che si rivela nel cuore toccato dalla misericordia. Facciamo tesoro, pertanto, delle parole dell’Apostolo: «Siate sempre lieti nel Signore» (Fil 4,4; cfr 1 Ts 5,16)”(Misericordia et Misera, 3)

E l’augurio che intendo fare a tutta la comunità per questo tempo forte di Avvento e di Natale.

Don Pino

Comunicazioni

Notizia da AGENSIR

Servizio Civile 2017 - Bando e Allegati

servizio civile 2017 parrocchia sm vergine polistena

8xmille

AgenSIR

Servizio Informazione Religiosa

ORARIO MESSE - Chiesa della Trinità

Sabato e Prefestivi

ore 21.00

ORARIO MESSE - Chiesa Matrice S. Marina Vergine

 

Feriali e Prefestivi:
ore 7:15 - 19.00

Giorni Festivi Mattina:
ore 7:00 - 09.30 - 11.30

Giorni Festivi Pomeriggio:
19.30

 
 



Il vero esilio per gli Ebrei, affermava don Tonino Bello, si ebbe quando essi cominciarono a sopportarlo. Una frase che resettata ad oggi suonerebbe: "L'esilio della coscienza civile di un Paese si ha quando i cittadini cominciano a sopportarlo”. Con un po’ di storia, intelligenza e umanità intendiamo provare, facendo fino in fondo la nostra parte, a dissipare quest’ombra, lasciando nuove tracce. Con in mano e nel cuore il Vangelo di Gesù Cristo e la Costituzione repubblicana del nostro Paese, come comunità cristiana intendiamo impegnarci a condurre una lotta non violenta accanto a chi, immigrato irregolare, indigente, precario, disoccupato, indifeso, muore di troppo lavoro, di poca sicurezza, di assenza di diritti, di mancanza di tutele sociali, di mafia.