Feb 21, 2018

Ministero dei Beni ed attività culturali ed il turismo finanzia il recupero della Chiesa della Trinità.

Il Recupero della Chiesa della Trinità è stato finanziato dal Ministero dei Beni ed attività culturali ed il turismo.

 

La somma stanziata con il decreto ministeriale del 19.02.2018 ammonta a 200.000,00 € finalizzata alla verifica del rischio sismico, riduzione della vulnerabilità e restauro.

Questo straordinario risultato è stato reso possibile grazie all’Impegno della Diocesi di Oppido-Palmi  che tramite l’Ufficio per i Beni culturali ecclesiastici ha presentato alla Soprintendenza ai Belle arti  di Reggio e Vibo, le problematiche sorti nel prezioso ed importante monumento sacro ,tanto caro ai polistenesi.

Con lo stesso DM è stata finanziata ,per gli stessi interventi la Chiesa Parrocchiale dell’Immacolata di Polistena.

Un Grazie particolare va a S.E. il Vescovo Mons Francesco Milito, all'ing.Paolo Martino,alla Soprintendente Guiducci ed al Funzionario di Zona Arch Dario Dattilo.

Comunicazioni

Avvento 2020 - Preghiamo in famiglia

TIMETOCARE E' tempo di aver cura.

Graduatoria Curriculum Vitae Progetto Time To Care banner

 

La libertà non ha pizzo.

la liberta non ha pizzo

CANALE YOUTUBE

youtube duomopol

Emergenza coronavirus - Continua il Servizio di assistenza gratuita a chi si trova in difficoltà

Locandina azioni di solidarietaa 2

 

Notizia da AGENSIR

Servizio Taxi Sociale chiama il 3206405678

diamo vita ai giorni

8xmille

ORARIO MESSE - Chiesa della Trinità

Chiesa della Trinità

Sabato e prefestivi : ore  20.00

 

ORARIO MESSE - Chiesa Matrice S. Marina Vergine

 

Chiesa Matrice Santa Marina Vergine

Feriali:           ore 07.30  - 18.00

Sabato e  prefestivi:  ore 7.30 - 18.00

Festivi :          ore 07.00  - 09.00 - 10.00 - 11.30  - 18.00

 La messa delle 11.30 sarà trasmessa in diretta sulle pagine FB e sul canale Youtube "Parrocchia Santa Marina vergine- Duomo di Polistena"



Il vero esilio per gli Ebrei, affermava don Tonino Bello, si ebbe quando essi cominciarono a sopportarlo. Una frase che resettata ad oggi suonerebbe: "L'esilio della coscienza civile di un Paese si ha quando i cittadini cominciano a sopportarlo”. Con un po’ di storia, intelligenza e umanità intendiamo provare, facendo fino in fondo la nostra parte, a dissipare quest’ombra, lasciando nuove tracce. Con in mano e nel cuore il Vangelo di Gesù Cristo e la Costituzione repubblicana del nostro Paese, come comunità cristiana intendiamo impegnarci a condurre una lotta non violenta accanto a chi, immigrato irregolare, indigente, precario, disoccupato, indifeso, muore di troppo lavoro, di poca sicurezza, di assenza di diritti, di mancanza di tutele sociali, di mafia.