Feb 21, 2018

Ministero dei Beni ed attività culturali ed il turismo finanzia il recupero della Chiesa della Trinità.

Il Recupero della Chiesa della Trinità è stato finanziato dal Ministero dei Beni ed attività culturali ed il turismo.

 

La somma stanziata con il decreto ministeriale del 19.02.2018 ammonta a 200.000,00 € finalizzata alla verifica del rischio sismico, riduzione della vulnerabilità e restauro.

Questo straordinario risultato è stato reso possibile grazie all’Impegno della Diocesi di Oppido-Palmi  che tramite l’Ufficio per i Beni culturali ecclesiastici ha presentato alla Soprintendenza ai Belle arti  di Reggio e Vibo, le problematiche sorti nel prezioso ed importante monumento sacro ,tanto caro ai polistenesi.

Con lo stesso DM è stata finanziata ,per gli stessi interventi la Chiesa Parrocchiale dell’Immacolata di Polistena.

Un Grazie particolare va a S.E. il Vescovo Mons Francesco Milito, all'ing.Paolo Martino,alla Soprintendente Guiducci ed al Funzionario di Zona Arch Dario Dattilo.

Comunicazioni

PROCESSIONE della Statua di Santa Marina e delle statue dei Santi venerati in Città.

Aperte le adesioni per i portatori

Leggi tutto...

Festeggiamenti Santa Marina Vergine - Patrona della Città

SANTA MARINA Festa 2018

MALA'NDRINE - Anche i Re Magi sono della 'ndrangheta

Malandrine 18 luglio polistena

Notizia da AGENSIR

Servizio Civile 2017 - Bando e Allegati

servizio civile 2017 parrocchia sm vergine polistena

8xmille

AgenSIR

Servizio Informazione Religiosa

ORARIO MESSE - Chiesa della Trinità

Sabato e Prefestivi

ore 21.00

ORARIO MESSE - Chiesa Matrice S. Marina Vergine

 

Feriali e Prefestivi:
ore 7:15 - 19.00

Giorni Festivi Mattina:
ore 7:00 - 09.30 - 11.30

Giorni Festivi Pomeriggio:
19.30

 
 



Il vero esilio per gli Ebrei, affermava don Tonino Bello, si ebbe quando essi cominciarono a sopportarlo. Una frase che resettata ad oggi suonerebbe: "L'esilio della coscienza civile di un Paese si ha quando i cittadini cominciano a sopportarlo”. Con un po’ di storia, intelligenza e umanità intendiamo provare, facendo fino in fondo la nostra parte, a dissipare quest’ombra, lasciando nuove tracce. Con in mano e nel cuore il Vangelo di Gesù Cristo e la Costituzione repubblicana del nostro Paese, come comunità cristiana intendiamo impegnarci a condurre una lotta non violenta accanto a chi, immigrato irregolare, indigente, precario, disoccupato, indifeso, muore di troppo lavoro, di poca sicurezza, di assenza di diritti, di mancanza di tutele sociali, di mafia.