Dic 4, 2013
In evidenza

Non lasciamo sola la Valle del Marro

Venerdì 6 Dicembre 2013 si terrà a Reggio Calabria la seconda udienza del processo contro Mammoliti Saverio + 6un processo importante per la giustizia di territori a lungo vessati dalla mafia, un processo nel quale la cooperativa sociale Valle del Marro - Libera Terra - una delle non poche parti offese - ha chiesto ed ottenuto, in una sconcertante solitudine, la costituzione di parte civile in merito ad un taglio di numerosi ulivi secolari in un terreno confiscato a Castellace, nel Comune di Oppido Mamertina.  



Il coordinamento di LIBERA - Piana di Gioia Tauro invita Istituzioni, enti, associazioni, gruppi e singoli a portare in quella data davanti al tribunale un segno di presenza, testimonianza e condivisione. 
Per essere in tanti a chiedere giustizia, per non lasciare soli i giovani della Valle del Marro, per far crescere il coraggio nei nostri territori e costruire la necessaria corresponsabilità attorno a scelte decisive ed incisive che aiutino tutti ad affrancarsi da ogni condizionamento mafioso.

L'appuntamento è per tutti alle ore 9.00 del 6 Dicembre 2013 presso la sede del Tribunale di Reggio Calabria, in Via Sant'Anna - Palazzo CE.DIR.
 
Polistena 02 dicembre 2013

Comunicazioni

Festeggiamenti di San Rocco

SAN ROCCO Polistena 2019

Festeggiamenti Santa Marina Vergine - Patrona della Città

SANTA MARINA Festa 2019

Libero Cinema in Libera Terra 2019

Libero Cinema in Libera Terra

Festeggiamenti Maria SS. dell'Itria

Maria SS Itria Polistena

Notizia da AGENSIR

Servizio Taxi Sociale chiama il 3206405678

diamo vita ai giorni

8xmille

AgenSIR

Servizio Informazione Religiosa

ORARIO MESSE - Chiesa della Trinità

Chiesa della Trinità

Sabato e prefestivi:

 ore 21.00

ORARIO MESSE - Chiesa Matrice S. Marina Vergine

 

Chiesa Matrice Santa Marina Vergine

Feriali:           ore 07.30 

Prefestivi :     ore 19.00

Festivi :          ore 07.00  - 09.30 - 11.30 - 19.30



Il vero esilio per gli Ebrei, affermava don Tonino Bello, si ebbe quando essi cominciarono a sopportarlo. Una frase che resettata ad oggi suonerebbe: "L'esilio della coscienza civile di un Paese si ha quando i cittadini cominciano a sopportarlo”. Con un po’ di storia, intelligenza e umanità intendiamo provare, facendo fino in fondo la nostra parte, a dissipare quest’ombra, lasciando nuove tracce. Con in mano e nel cuore il Vangelo di Gesù Cristo e la Costituzione repubblicana del nostro Paese, come comunità cristiana intendiamo impegnarci a condurre una lotta non violenta accanto a chi, immigrato irregolare, indigente, precario, disoccupato, indifeso, muore di troppo lavoro, di poca sicurezza, di assenza di diritti, di mancanza di tutele sociali, di mafia.