Gen 4, 2022
In evidenza

Nonostante l’annullamento “forzato” della Marcia della Pace di Capodanno, intensa partecipazione alla Celebrazione Eucaristica per invocare il dono della Pace

Come già avvenuto lo scorso anno, non si è svolta la consueta Marcia della Pace di Capodanno, a causa dell’evolversi della pandemia. Ma non per questo si è fermato il “popolo della pace”, che si è ritrovato egualmente nella nostra Chiesa parrocchiale, Duomo della città per invocare dal Signore il dono della Pace nel corso di una solenne concelebrazione eucaristica, presieduta dal nostro Vescovo, Francesco Milito, presenti e concelebranti i Parroci della città e altri sacerdoti.

Erano inoltre presenti: il Sindaco della città, Michele Tripodi con la giunta comunale al completo, il sindaco di Scido Giuseppe Zampogna e di Cittanova Francesco Cosentino, nella qualità, rispettivamente di Presidente dell’Assemblea e del Comitato direttivo dell’Associazione dei Comuni della Piana “Città degli Ulivi”, il Sindaco di Giffone, rappresentanti delle forze dell’ordine, della politica e dell’associazionismo.

Nel suo saluto iniziale , il nostro Parroco, riallacciandosi al messaggio del Papa per la giornata, ha sottolineato l’importanza del poter dare vita ad un patto sociale in un territorio quale il nostro che più di tutti sperimenta la povertà educativa, la mancanza di lavoro e spesso l’impossibilità di un dialogo intergenerazionale a causa dell’assenza dei giovani costretti a lasciare la loro terra ed i loro affetti.

“Ambiti, però, - ha affermato don Pino - che non ci trovano del tutto  impreparati perché  come chiesa, come istituzioni e come società civile stiamo cercando in questi ultimi anni, pur tra mille difficoltà, di investire le nostre idee e le nostre risorse” soprattutto attraverso lo sforzo del “camminare insieme”.

Il nostro Vescovo, da parte sua , ha sottolineato come il messaggio del Pontefice interpelli i cristiani a livello individuale e a livello comunitario.

Da qui la necessità di essere “artigiani” e “ seminatori” di pace attraverso il dialogo, il rispetto reciproco, il “camminare insieme” con fantasia, creatività e generosità.

Necessaria e primaria è quindi la costruzione di una “pace interiore”, l’unica capace di arginare le inimicizie, le divisioni, i conflitti, le violenze e le faide. Alla scuola di Maria e dei pastori, di cui parlava la pericope evangelica proposta dalla liturgia dell’Ottava del Natale.

Marcia Pace 2021 celebrazione duomo polistena 01  Marcia Pace 2021 celebrazione duomo polistena 02  Marcia Pace 2021 celebrazione duomo polistena 03

Comunicazioni

Community HUB

AVVENTO preghiamo in famiglia

📣 COMMUNITY HUB 📣
• Spazi di comunità •

Il Centro Polifunzionale Padre Pino Puglisi continua a mantenere le proprie porte aperte per la Didattica a Distanza di bambini e ragazzi di tutte le scuole di ogni ordine e grado.

Non lasciamo indietro nessuno.
Offriamo gratuitamente gli spazi sanificati del Centro e l'accompagnamento da parte degli operatori volontari del Servizio Civile Universale.
È così che il Centro traduce in senso pieno la restituzione alla collettività dei beni confiscati alle mafie.
Da beni di pochi al bene per molti.

Per info contattare
il numero 0966 472874:
- telefonicamente dalle 09.00 alle 11.00;
- whatsapp dalle 09.00 / 11.00 e 15.00 / 17.00;

Time to Care

Graduatoria Curriculum Vitae Progetto Time To Care banner

Un nuovo anno insieme

Graduatoria Curriculum Vitae Progetto Time To Care banner

La libertà non ha pizzo.

la liberta non ha pizzo

CANALE YOUTUBE

youtube duomopol

Notizia da AGENSIR

Servizio Taxi Sociale chiama il 3206405678

diamo vita ai giorni

8xmille

ORARIO MESSE - Chiesa della Trinità

Chiesa della Trinità

 

Sabato e prefestivi : ore  20.00

 

ORARIO MESSE - Chiesa Matrice S. Marina Vergine

 

Chiesa Matrice Santa Marina Vergine

Feriali:           ore 07.30  - 18.00

Sabato e  prefestivi:  ore 7.30 - 18.00

Festivi :          ore 07.30  - 09.00 - 10.00 - 11.30  - 18.00

 



Il vero esilio per gli Ebrei, affermava don Tonino Bello, si ebbe quando essi cominciarono a sopportarlo. Una frase che resettata ad oggi suonerebbe: "L'esilio della coscienza civile di un Paese si ha quando i cittadini cominciano a sopportarlo”. Con un po’ di storia, intelligenza e umanità intendiamo provare, facendo fino in fondo la nostra parte, a dissipare quest’ombra, lasciando nuove tracce. Con in mano e nel cuore il Vangelo di Gesù Cristo e la Costituzione repubblicana del nostro Paese, come comunità cristiana intendiamo impegnarci a condurre una lotta non violenta accanto a chi, immigrato irregolare, indigente, precario, disoccupato, indifeso, muore di troppo lavoro, di poca sicurezza, di assenza di diritti, di mancanza di tutele sociali, di mafia.