Gen 12, 2015

Ovunque sei - un Musical per i 150 anni della fondazione delle Suore della Divina Volontà

Le Suore della Divina Volontà in occasione del 150° anno della loro fondazione propongono OVUNQUE SEI, IL CORAGGIO DELLA FIDUCIA - un Musical curato dall'Associaazione Culturale e Scuola di Arti Sceniche SORGENTI delle ARTI di Crotone. Domenica 18 gennaio 2015 - POLISTENA (RC) - ore 18.00 - AUDITORIUM COMUNALE.

Testi e Regia:
Luigi Sgrizzi

Preparatore vocale:
Floriana Mungari

con:
Floriana Mungari,
Emma Carcea,
Carla Sgrizzi,
Giulia Sokolova,
Giusepe Calabreta,
Ilario De Roberto,
Pietro Geremicca,
Giuseppe Mendicino,
Maria Letizia Amoruso,
Serena Truncè,
Miriam Fabiano,
Alesandro Miriello,
Alessandro Facino

Ovunque sei - Musical

Comunicazioni

Cammino di iniziazione alla vita cristiana

Orario Incontri di catechesi

Leggi tutto...

DAL 3 OTTOBRE IL CORSO DI PREPARAZIONE AL MATRIMONIO

Leggi tutto...

Notizia da AGENSIR

Servizio Civile Universale 2018 - Bando e Allegati

servizio civile universale

Servizio Taxi Sociale chiama il 3206405678

diamo vita ai giorni

8xmille

AgenSIR

Servizio Informazione Religiosa

ORARIO MESSE - Chiesa della Trinità

Giorni Festivi Mattina:
ore 9:00 

ORARIO MESSE - Chiesa Matrice S. Marina Vergine

 

Feriali e Prefestivi:
ore 7:15 - 18.30

Giorni Festivi Mattina:
ore 7:00 - 10.00 - 11.30

Giorni Festivi Pomeriggio:
18.30

 
 



Il vero esilio per gli Ebrei, affermava don Tonino Bello, si ebbe quando essi cominciarono a sopportarlo. Una frase che resettata ad oggi suonerebbe: "L'esilio della coscienza civile di un Paese si ha quando i cittadini cominciano a sopportarlo”. Con un po’ di storia, intelligenza e umanità intendiamo provare, facendo fino in fondo la nostra parte, a dissipare quest’ombra, lasciando nuove tracce. Con in mano e nel cuore il Vangelo di Gesù Cristo e la Costituzione repubblicana del nostro Paese, come comunità cristiana intendiamo impegnarci a condurre una lotta non violenta accanto a chi, immigrato irregolare, indigente, precario, disoccupato, indifeso, muore di troppo lavoro, di poca sicurezza, di assenza di diritti, di mancanza di tutele sociali, di mafia.