Gen 20, 2020

SOCIAL NETWORK: OPPORTUNITA' E RISCHI - In Parrocchia incontro con i genitori dei bambini dell'Iniziazione Cristiana

A partire dal messaggio di Papa Francesco per la Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali e grazie al contributo di Filippo Andreacchio, Direttore dell'Ufficio Comunicazioni Sociali della nostra Diocesi si è svolto ieri pomeriggio in Chiesa Matrice un incontro molto interessante e ricco di spunti di riflessione sul mondo dei social network. All'incontro hanno partecipato i genitori dei bambini e delle bambine che partecipano alla cammino di iniziazione cristiana.

 

Ad aprire l'incontro è stato il nostro parroco don Pino Demasi che ha sottolineato quanto sia importante capire il mondo di internet e dei social senza demonizzarne l'uso, ma per valorizzarne l'utilizzo in qualità di genitori-educatori.

Filippo Andreacchio analizzando dati statistici frutto di ricerche approfondite ha presentato alla platea l'insidioso mondo digitale partendo da una condizione oggettiva di un tempo vissuto da una generazione di ragazzi definiti “nativi digitali” e da una generazione di genitori chiamati “migranti digitali” in riferimento all'approccio e allo sviluppo contemporaneo di internet e delle comunità digitali.

L'analisi approfondita ha richiamato tutte e tutti al percorso da affrontare affinché il nostro agire digitale non sia scollegato dalla visione umana e cristiana della funzione educativa e formativa.

E nel dramma dell'abuso e della dipendenza spesso non finiscono solo i minori, ma vittime sono anche i genitori che a casa ottemperano ad un ruolo educativo e sulla piazza digitale “commentano” e “condividono” pensieri diseducativi.

Educare è, sempre, dare il buon esempio.

E le piattaforme digitali sono piene di opportunità di crescita e di formazione, ma anche di rischi e difficoltà. Il dramma del cyberbullismo, della pedopornografia, delle truffe e della dipendenza (come ad esempio il fenomeno del vamping) sono alcune delle insidie che hanno riempito il mondo dei social e della rete.

“È a tutti evidente come, nello scenario attuale, la social network community non sia automaticamente sinonimo di comunità. Nei casi migliori le community riescono a dare prova di coesione e solidarietà, ma spesso rimangono solo aggregati di individui che si riconoscono intorno a interessi o argomenti caratterizzati da legami deboli.” E queste parole del Papa ci invitano a riflettere ed agire sull'importanza che le nostre siano comunità ON-LIFE, collegate alla vita, e comunità di pratica e di prossimità, dove la nostra vicinanza all'altro si misura dalla nostra qualità delle relazione e della nostra capacità di essere solidali e pronti a tendere la mano a chi sta dietro di noi e ha bisogno.

 

Comunicazioni

Avvento 2020 - Preghiamo in famiglia

TIMETOCARE E' tempo di aver cura.

Graduatoria Curriculum Vitae Progetto Time To Care banner

 

La libertà non ha pizzo.

la liberta non ha pizzo

CANALE YOUTUBE

youtube duomopol

Emergenza coronavirus - Continua il Servizio di assistenza gratuita a chi si trova in difficoltà

Locandina azioni di solidarietaa 2

 

Notizia da AGENSIR

Servizio Taxi Sociale chiama il 3206405678

diamo vita ai giorni

8xmille

ORARIO MESSE - Chiesa della Trinità

Chiesa della Trinità

Sabato e prefestivi : ore  20.00

 

ORARIO MESSE - Chiesa Matrice S. Marina Vergine

 

Chiesa Matrice Santa Marina Vergine

Feriali:           ore 07.30  - 18.00

Sabato e  prefestivi:  ore 7.30 - 18.00

Festivi :          ore 07.00  - 09.00 - 10.00 - 11.30  - 18.00

 La messa delle 11.30 sarà trasmessa in diretta sulle pagine FB e sul canale Youtube "Parrocchia Santa Marina vergine- Duomo di Polistena"



Il vero esilio per gli Ebrei, affermava don Tonino Bello, si ebbe quando essi cominciarono a sopportarlo. Una frase che resettata ad oggi suonerebbe: "L'esilio della coscienza civile di un Paese si ha quando i cittadini cominciano a sopportarlo”. Con un po’ di storia, intelligenza e umanità intendiamo provare, facendo fino in fondo la nostra parte, a dissipare quest’ombra, lasciando nuove tracce. Con in mano e nel cuore il Vangelo di Gesù Cristo e la Costituzione repubblicana del nostro Paese, come comunità cristiana intendiamo impegnarci a condurre una lotta non violenta accanto a chi, immigrato irregolare, indigente, precario, disoccupato, indifeso, muore di troppo lavoro, di poca sicurezza, di assenza di diritti, di mancanza di tutele sociali, di mafia.