Visualizza articoli per tag: Palazzo confiscato

La ministra Lanzetta, il vice ministro Bubbico, il prefetto Sammartino, il capo della DDA Cafiero Deraho, il procuratore Creazzo  sui terreni confiscati e al centro polifunzionale Pino Puglisi 

Pubblicato in 2014

Rappresentanti  di  circa  70 Paesi sotto la bandiera dell’ONU in visita al palazzo confiscato di via Catena  in cerca di buone prassi da esportare in materia di beni confiscati.  

Pubblicato in 2014

I locali già ristrutturati del Palazzo confiscato di via Catena e assegnato alla nostra Parrocchia, sabato 22 e domenica 23 febbraio, ospiteranno un importante momento formativo per i volontari di Emergency, la ong onlus italiana impegnata in diversi contesti mondiali al fianco delle popolazioni in stato di emergenza sanitaria e umanitaria.

Pubblicato in 2014

Comunicazioni

Maria SS dell'Itria e Santa Marina Vergine

Novena di Natale Duomo Polistena

L'utopia del "noi" per ri...Abitare la città

Graduatoria Curriculum Vitae Progetto Time To Care banner

Estate Ragazzi 2021

sussidio quaresima 2019

TIMETOCARE E' tempo di aver cura.

Graduatoria Curriculum Vitae Progetto Time To Care banner

 

La libertà non ha pizzo.

la liberta non ha pizzo

CANALE YOUTUBE

youtube duomopol

Emergenza coronavirus - Continua il Servizio di assistenza gratuita a chi si trova in difficoltà

Locandina azioni di solidarietaa 2

 

Notizia da AGENSIR

Servizio Taxi Sociale chiama il 3206405678

diamo vita ai giorni

8xmille

ORARIO MESSE - Chiesa della Trinità

Chiesa della Trinità

 

Sabato e prefestivi : ore  21.00

 

ORARIO MESSE - Chiesa Matrice S. Marina Vergine

 

Chiesa Matrice Santa Marina Vergine

Feriali:           ore 07.30  - 19.00

Sabato e  prefestivi:  ore 7.30 - 19.00

Festivi :          ore 07.30  - 09.30 - 11.30  - 19.30

 



Il vero esilio per gli Ebrei, affermava don Tonino Bello, si ebbe quando essi cominciarono a sopportarlo. Una frase che resettata ad oggi suonerebbe: "L'esilio della coscienza civile di un Paese si ha quando i cittadini cominciano a sopportarlo”. Con un po’ di storia, intelligenza e umanità intendiamo provare, facendo fino in fondo la nostra parte, a dissipare quest’ombra, lasciando nuove tracce. Con in mano e nel cuore il Vangelo di Gesù Cristo e la Costituzione repubblicana del nostro Paese, come comunità cristiana intendiamo impegnarci a condurre una lotta non violenta accanto a chi, immigrato irregolare, indigente, precario, disoccupato, indifeso, muore di troppo lavoro, di poca sicurezza, di assenza di diritti, di mancanza di tutele sociali, di mafia.