Visualizza articoli per tag: Polistena - Parrocchia Santa Marina Vergine - Duomo di Polistena

«Il grande bisogno della società di oggi è offrire alle mamme e ai papà l’opportunità di fermarsi a riflettere, di fermarsi per interrogarsi. La Scuola per Genitori che oggi sono chiamato ad inaugurare è l’espressione di un occhio vigile, quello di don Pino Demasi e con lui di tutta la Parrocchia, che sa andare oltre i bisogni materiali delle famiglie e dona loro quell’attimo di incontro fondamentale nell’educazione dei ragazzi, degli adolescenti, dei futuri giovani».

Pubblicato in 2014

Perchè una scuola per genitori? Le età della pre-adolescenza e dell'adolescenza sono sempre periodi di forte crisi per i ragazzi, e tra i ragazzi e le famiglie. A volte da questi momenti si esce sconfitti entrambi sia perchè si è poco preparati ad affrontarli, sia perchè non si ha accanto l'aiuto adatto.

Pubblicato in 2014

Pieno di pubblico e applausi per la rappresentazione teatrale del gruppo dei ministranti della nostra Parrocchia. In questa prima “uscita” in teatro, i ragazzi si sono cimentati con la rivisitazione del libro di Ester.

Pubblicato in 2014

Il teatro è spettacolo, divertimento, sogno, fantasia e arte. Può essere vissuto in maniera attiva o passiva, e comunque affascina tantissimo i bambini. Di “ mal di teatro”, per così dire, sono stati contagiati  anche i nostri chierichetti che, guidati dal diacono Mimmo Berlingeri, che li segue nel loro cammino, hanno deciso di mettersi in gioco e realizzare una rappresentazione teatrale.

Pubblicato in 2014

La ministra Lanzetta, il vice ministro Bubbico, il prefetto Sammartino, il capo della DDA Cafiero Deraho, il procuratore Creazzo  sui terreni confiscati e al centro polifunzionale Pino Puglisi 

Pubblicato in 2014

Il piazzale Trinità, ritrovo la notte tra sabato e domenica di centinaia di giovani, è stato il teatro della prima esperienza di “evangelizzazione di strada” rivolta ai giovani, da parte degli appartenenti ai gruppi giovanili della nostra Parrocchia.

Pubblicato in 2014

Rappresentanti  di  circa  70 Paesi sotto la bandiera dell’ONU in visita al palazzo confiscato di via Catena  in cerca di buone prassi da esportare in materia di beni confiscati.  

Pubblicato in 2014
Mercoledì, 19 Marzo 2014 00:00

Il 21 marzo a Polistena

Il 21 marzo, primo giorno di Primavera, è ormai per tutti i cittadini onesti la “Giornata della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime delle mafie” .

Centinaia e centinaia di semplici cittadini, magistrati, giornalisti, appartenenti alle forze dell’ordine, sacerdoti, imprenditori, sindacalisti, esponenti politici ed amministratori locali morti per mano delle mafie solo perché, con rigore e coerenza, hanno compiuto il loro dovere.

Pubblicato in 2014

Capodanno all'insegna della Fraternità e della Pace
Per la ventiseiesima volta la Marcia della Pace di Capodanno

Pubblicato in 2013
Pagina 9 di 9

Comunicazioni

DAL 2 OTTOBRE IL CORSO DI PREPARAZIONE AL MATRIMONIO

Leggi tutto...

Visita Pastorale di Mons. Francesco Milito

Visita pastorale Polistena 2019

Pianeta terra: La nostra casa comune

sciopero 27 settembre 2019 ambiente polistena

Servizio Civile Universale 2019 - Bando e Allegati

bando servizio civile Polistena 2019

Notizia da AGENSIR

Servizio Taxi Sociale chiama il 3206405678

diamo vita ai giorni

8xmille

AgenSIR

Servizio Informazione Religiosa

ORARIO MESSE - Chiesa della Trinità

Chiesa della Trinità

Festivi :          ore 09.00

ORARIO MESSE - Chiesa Matrice S. Marina Vergine

 

Chiesa Matrice Santa Marina Vergine

Feriali:           ore 07.30  - 18.30

Prefestivi :     ore 18.30

Festivi :          ore 07.00  - 10.00 - 11.30 - 18.30



Il vero esilio per gli Ebrei, affermava don Tonino Bello, si ebbe quando essi cominciarono a sopportarlo. Una frase che resettata ad oggi suonerebbe: "L'esilio della coscienza civile di un Paese si ha quando i cittadini cominciano a sopportarlo”. Con un po’ di storia, intelligenza e umanità intendiamo provare, facendo fino in fondo la nostra parte, a dissipare quest’ombra, lasciando nuove tracce. Con in mano e nel cuore il Vangelo di Gesù Cristo e la Costituzione repubblicana del nostro Paese, come comunità cristiana intendiamo impegnarci a condurre una lotta non violenta accanto a chi, immigrato irregolare, indigente, precario, disoccupato, indifeso, muore di troppo lavoro, di poca sicurezza, di assenza di diritti, di mancanza di tutele sociali, di mafia.