Visualizza articoli per tag: Unicoop Firenze - Parrocchia Santa Marina Vergine - Duomo di Polistena

 "Quello dei beni confiscati alle mafie è un tema a me molto caro e sono felice di poter valorizzare il grande lavoro che compiono ogni giorno e con fatica le tante "perle di legalità" sparse sul nostro territorio. La gestione dei beni confiscati alle mafie, è una dimostrazione di contrasto vero alla criminalità, testimoniando che la si può vincere ed è un modo concreto per restituire ai cittadini questo patrimonio.

Pubblicato in 2016

"E' una bella storia di impresa e di cittadinanza, ricostruita dalla terra con un entusiasmo eccezionale". Questo il giudizio del ministro delle politiche agricole, alimentari e forestali, Maurizio Martina, al termine della visita alla cooperativa sociale "Valle del Marro - Libera Terra" che da 12 anni gestisce, nella Piana di Gioia Tauro, 130 ettari di terreni confiscati alla 'ndrangheta. Il ministro Martina è giunto a Polistena ieri pomeriggio alle ore 14.15, ed in via Pio La Torre ha visitato il quartier generale della coop di Libera. Ad accoglierlo, i soci fondatori Domenico Fazzari, Giacomo Zappia, Antonio Napoli e tutti gli operai della "Valle del Marro".

Pubblicato in 2016

Comunicazioni

TIMETOCARE E' tempo di aver cura.

time to care banner

 

La libertà non ha pizzo.

la liberta non ha pizzo

Suor Maria Teresa Fioretti - Veglia di preghiera

IMG 20200720 WA0067

CANALE YOUTUBE

youtube duomopol

Emergenza corona virus - Servizio di assistenza gratuita agli anziani

Locandina azioni di solidarietaa 2

 

Notizia da AGENSIR

Servizio Taxi Sociale chiama il 3206405678

diamo vita ai giorni

8xmille

ORARIO MESSE - Chiesa della Trinità

Chiesa della Trinità

Sabato e prefestivi : ore  21.00

ORARIO MESSE - Chiesa Matrice S. Marina Vergine

 

Chiesa Matrice Santa Marina Vergine

Feriali:           ore 07.30  - 19.00

Sabato e  prefestivi:  ore 7.30 - 19.00

Festivi :          ore 07.00  - 09.00 - 10.00 - 11.30 - 19.30



Il vero esilio per gli Ebrei, affermava don Tonino Bello, si ebbe quando essi cominciarono a sopportarlo. Una frase che resettata ad oggi suonerebbe: "L'esilio della coscienza civile di un Paese si ha quando i cittadini cominciano a sopportarlo”. Con un po’ di storia, intelligenza e umanità intendiamo provare, facendo fino in fondo la nostra parte, a dissipare quest’ombra, lasciando nuove tracce. Con in mano e nel cuore il Vangelo di Gesù Cristo e la Costituzione repubblicana del nostro Paese, come comunità cristiana intendiamo impegnarci a condurre una lotta non violenta accanto a chi, immigrato irregolare, indigente, precario, disoccupato, indifeso, muore di troppo lavoro, di poca sicurezza, di assenza di diritti, di mancanza di tutele sociali, di mafia.