Giu 26, 2018

YUBI – I Custodi delle Luci - ESTATE RAGAZZI 2018

Al via la trentesima edizione dell'Estate Ragazzi, progetto educativo-formativo organizzato dall'Associazione “Il Samaritano” e dalla Parrocchia Santa Marina Vergine di Polistena.

 

Dal 1989 ad oggi un luogo, uno spazio, un'opportunità di crescita comunitaria dove insieme si scrive una storia collettiva: la nostra.

Il tema che quest'anno accompagnerà l'Estate Ragazzi sarà quello dell'amicizia attraverso la  riconquista dei rapporti sociali e umani che aiutano a vivere la vita in fraternità.

Il titolo  sarà “Yubi – I custodi delle Luci”. I bambini e i ragazzi tra tanti giochi e momenti di divertimento saranno protagonisti della costruzione di ponti capaci di rinsaldare le tradizioni e l'unità nelle diversità.

I temi della conoscenza, dell'amicizia, del coraggio, della cura dell'ambiente, della fiducia reciproca favoriranno i ragazzi nella riflessione finalizzata alla costruzione di una società migliore e di un mondo più giusto.

Dal 28 giugno al 21 luglio presso i locali dell'Istituto Comprensivo “Francesco Jerace” saranno i volontari del Servizio Civile Nazionale della Parrocchia insieme con i circa 100 giovani animatori e 50 aiuto animatori ad intrattenere e a guidare i circa 500 bambini che, come ormai da tradizione, coloreranno con le loro magliette e i loro sorrisi l'estate polistenese.

Momenti di riflessione, tanta musica, giochi, tornei, balli e canti saranno indispensabili per vivere appieno questa esperienza che negli anni ha saputo essere uno strumento importante per il cambiamento culturale e sociale della comunità di Polistena.

Come ogni anno la promozione della cultura di legalità e del rispetto dell'altro saranno al centro di ogni attività che i ragazzi svolgeranno ed in quest'ottica si inquadra il consueto appuntamento con la marcia silenziosa del 19 luglio in ricordo del giudice Paolo Borsellino e di tutte le vittime innocenti delle mafie. Mentre, la sera precedente, l’Estate ragazzi si apre ai genitori con la rappresentazione teatrale, all’Anfiteatro comunale, di Francesco Forgione Mala’ndrine – Anche i Re Magi sono della ‘ndrangheta.

L'Estate Ragazzi di quest’anno vivrà, inoltre, la sua funzione sociale nella memoria di Becky Moses e Soumayla Sacko, due giovani migranti che hanno perso la vita nel nostro territorio.

Il loro ricordo sarà il motore di impegno per far si che la costruzione di nuovi ponti non riguardi solo ed esclusivamente una storia fantastica che accompagnerà i bambini ma rappresenti la volontà sincera di abbattere muri e confini che umiliano la dignità di tutte le donne e gli uomini che abitano la Terra.

Lo spettacolo finale, il 21 luglio all’anfiteatro comunale, alla presenza delle autorità cittadine e dei genitori, concluderà questa affascinante avventura.

Don Pino Demasi 3389687541

Comunicazioni

LA NOTTE DEI SANTI

Appuntamento per i bambini dell'iniziazione, Mercoledì 31 ottobre ore 15.30

Leggi tutto...

Cammino di iniziazione alla vita cristiana

Orario Incontri di catechesi

Leggi tutto...

DAL 3 OTTOBRE IL CORSO DI PREPARAZIONE AL MATRIMONIO

Leggi tutto...

Notizia da AGENSIR

Servizio Civile Universale 2018 - Bando e Allegati

servizio civile universale

Servizio Taxi Sociale chiama il 3206405678

diamo vita ai giorni

8xmille

AgenSIR

Servizio Informazione Religiosa

ORARIO MESSE - Chiesa della Trinità

Giorni Festivi Mattina:
ore 9:00 

ORARIO MESSE - Chiesa Matrice S. Marina Vergine

 

Feriali e Prefestivi:
ore 7:15 - 18.00

Giorni Festivi Mattina:
ore 7:00 - 10.00 - 11.30

Giorni Festivi Pomeriggio:
18.00

 
 



Il vero esilio per gli Ebrei, affermava don Tonino Bello, si ebbe quando essi cominciarono a sopportarlo. Una frase che resettata ad oggi suonerebbe: "L'esilio della coscienza civile di un Paese si ha quando i cittadini cominciano a sopportarlo”. Con un po’ di storia, intelligenza e umanità intendiamo provare, facendo fino in fondo la nostra parte, a dissipare quest’ombra, lasciando nuove tracce. Con in mano e nel cuore il Vangelo di Gesù Cristo e la Costituzione repubblicana del nostro Paese, come comunità cristiana intendiamo impegnarci a condurre una lotta non violenta accanto a chi, immigrato irregolare, indigente, precario, disoccupato, indifeso, muore di troppo lavoro, di poca sicurezza, di assenza di diritti, di mancanza di tutele sociali, di mafia.