News - Parrocchia Santa Marina Vergine - Duomo di Polistena

"Per la legalità, la giustizia e la pace: Noi ci siamo". Sotto questo slogan che campeggiava sulla striscione che ha aperto il corteo, ieri pomeriggio, in occasione della Giornata della memoria e dell'impegno, centinaia di ragazzi, oltre 500, numerosi genitori, 22 volontari impegnati nei campi estivi di "Libera" provenienti dalla provincia di Imola, e rappresentanti dello Spi-Cgil, hanno dato vita per le vie della città, ad una Marcia silenziosa, conclusasi con una Catena umanitaria che ha circondato, grazie a tanti mani unite, l'intera piazza della Repubblica.

In occasione della festa liturgica di S. Marina Vergine, patrona della città, durante la Solenne Concelebrazione Eucaristica, alla presenza delle autorità cittadine, il nostro Parroco ha rivolto l’invito a costruire una città a misura d’uomo, una città degli onesti e degli uguali.

POLISTENA - Si è scritta in città una nuova pagina importante di antimafia sociale, sotto il segno della solidarietà tra i popoli, in nome di una cittadinanza attiva volta al cambiamento. Protagonisti di una giornata indimenticabile e, sotto certi aspetti storica, contrassegnata da diversi momenti, sono stati i soci del Lions Club "Polistena Brutium" presieduto dal dott. Domenico Mobrici, la parrocchia del Duomo guidata da don Pino Demasi ed il sindaco di Riace prof. Domenico Lucano.

Si è aperto con un omaggio a Ettore Scola, presidente onorario di Cinemovel Foundation, l’edizione 2016 di Libero Cinema in Libera Terra. Prima tappa il 3 luglio a Trevico, città natale del Maestro, con la proiezione di Ridendo e Scherzando, firmato da Paola e Silvia Scola. Da Trevico la carovana ha raggiunto Polistena, dove per la prima volta si tiene il campo di Estate Liberi “La sorpresa del Cinema”.

Imponevano l’acquisto dei loro prodotti, pane compreso, a piccoli negozi e supermercati rionali, stabilendone anche il prezzo di vendita al dettaglio. Per questo, a Napoli, sono state emesse 24 ordinanze di custodia cautelare a carico di altrettanti uomini del clan camorristico Lo Russo, con accuse che vanno dall’associazione mafiosa, al traffico di stupefacenti, all’estorsione, alla detenzione di arma da fuoco. In Calabria intanto non si sono ancora placati entusiasmo e soddisfazione per l’arresto, ieri, del secondo latitante, ormai da 20 anni, dopo Matteo Messina Denaro. Il boss calabrese Ernesto Fazzalari, 46 anni, è stato catturato in provincia di Reggio Calabria dai carabinieri del Ros. Su Fazzalari pende un ergastolo per associazione per delinquere di tipo mafioso, omicidio, porto e detenzione illegale di armi ed altro. Francesca Sabatinelli ha intervistato don Pino De Masi, parroco di Polistena (Reggio Calabria) e responsabile regionale di ‘Libera. Associazioni, nomi e numeri contro le mafie’:

Arriva l’estate e con essa, a Polistena, per i ragazzi della scuola dell’obbligo, arriva un carrozzone carico di giochi, divertimento, spettacolo, musica, allegria. Si tratta dell’Estate Ragazzi, iniziativa giunta alla ventottesima edizione.

Mercoledì, 01 Giugno 2016 00:00

Firmo dunque dono

Domenica 29 maggio si è svolta un’attività di informazione e formazione  sul tema del  sostentamento economico alla chiesa.

I chierichetti della parrocchia, preparati dal diac. Domenico Berlingeri, hanno distribuito ai fedeli che uscivano dopo la messa,  depliant, riviste e opuscoli, sui quali si poteva leggere e vedere quante opere sono state sostenute, grazie ai fondi provenienti dall’8XMille a favore della Chiesa cattolica.

Di fronte alla tragedia della scomparsa dell'imprenditrice Maria Chindamo, le comunità parrocchiali di Laureana di Borrello hanno voluto farsi carico di tale dramma ed esprimere la loro vicinanza concreta ai familiari, ritrovarsi nella Chiesa matrice per una celebrazione eucaristica.

 "Quello dei beni confiscati alle mafie è un tema a me molto caro e sono felice di poter valorizzare il grande lavoro che compiono ogni giorno e con fatica le tante "perle di legalità" sparse sul nostro territorio. La gestione dei beni confiscati alle mafie, è una dimostrazione di contrasto vero alla criminalità, testimoniando che la si può vincere ed è un modo concreto per restituire ai cittadini questo patrimonio.

"E' una bella storia di impresa e di cittadinanza, ricostruita dalla terra con un entusiasmo eccezionale". Questo il giudizio del ministro delle politiche agricole, alimentari e forestali, Maurizio Martina, al termine della visita alla cooperativa sociale "Valle del Marro - Libera Terra" che da 12 anni gestisce, nella Piana di Gioia Tauro, 130 ettari di terreni confiscati alla 'ndrangheta. Il ministro Martina è giunto a Polistena ieri pomeriggio alle ore 14.15, ed in via Pio La Torre ha visitato il quartier generale della coop di Libera. Ad accoglierlo, i soci fondatori Domenico Fazzari, Giacomo Zappia, Antonio Napoli e tutti gli operai della "Valle del Marro".

Pagina 13 di 21

Comunicazioni

PREGHIAMO IN FAMIGLIA

TRACCIA DI PREGHIERA PER LA SECONDA SETTIMANA DI AVVENTO

Leggi tutto...

CATECHESI D'AVVENTO

Novena di Natale Duomo Polistena

CINEFORUM

marcia della pace 2021 

Time to Care

Graduatoria Curriculum Vitae Progetto Time To Care banner

Un nuovo anno insieme

Graduatoria Curriculum Vitae Progetto Time To Care banner

La libertà non ha pizzo.

la liberta non ha pizzo

CANALE YOUTUBE

youtube duomopol

Notizia da AGENSIR

Servizio Taxi Sociale chiama il 3206405678

diamo vita ai giorni

8xmille

ORARIO MESSE - Chiesa della Trinità

Chiesa della Trinità

 

Sabato e prefestivi : ore  20.00

 

ORARIO MESSE - Chiesa Matrice S. Marina Vergine

 

Chiesa Matrice Santa Marina Vergine

Feriali:           ore 07.15  - 18.00

Sabato e  prefestivi:  ore 7.15 - 18.00

Festivi :          ore 07.30  - 09.00 - 10.00 - 11.30  - 18.00

 



Il vero esilio per gli Ebrei, affermava don Tonino Bello, si ebbe quando essi cominciarono a sopportarlo. Una frase che resettata ad oggi suonerebbe: "L'esilio della coscienza civile di un Paese si ha quando i cittadini cominciano a sopportarlo”. Con un po’ di storia, intelligenza e umanità intendiamo provare, facendo fino in fondo la nostra parte, a dissipare quest’ombra, lasciando nuove tracce. Con in mano e nel cuore il Vangelo di Gesù Cristo e la Costituzione repubblicana del nostro Paese, come comunità cristiana intendiamo impegnarci a condurre una lotta non violenta accanto a chi, immigrato irregolare, indigente, precario, disoccupato, indifeso, muore di troppo lavoro, di poca sicurezza, di assenza di diritti, di mancanza di tutele sociali, di mafia.