News - Parrocchia Santa Marina Vergine - Duomo di Polistena

Carissimi sorelle e fratelli,
come già avete appreso dagli organi di stampa, in seguito ai noti fatti di Oppido, il Vescovo della nostra diocesi con un Messaggio al Popolo di Dio di Oppido Mamertina-Palmi, dal titolo Atto di Amore per la nostra Chiesa tra passato e futuro ha comunicato la “decisione di sospendere, a partire da oggi, tutte le processioni in programma nei prossimi mesi, fino a quando, come frutto di una maturata e solida coscienza ecclesiale, saranno varati forti e definitivi provvedimenti in merito”.

E' appena iniziata l'avventura dell'Estate Ragazzi e subito arriva il primo ospite d'eccezione: Toni Mira, caporedattore del giornale cattolico, Avvenire.

Si svolgerà dal 01 al 25 luglio l'Estate Ragazzi, che si ripete da 26 anni grazie all'impegno,alla passione e all'entusiasmo di tanti giovanissimi e giovani che si sono succeduti in questi anni nella nostra Parrocchia e nell'Associazione " Il Samaritano". Ragazzi che, sotto la guida del Parroco don Pino Demasi, hanno imparato che l' Estate può e deve essere tempo di libertà, occasione di crescita personale e comunitaria.

Un tempo "libero" in un certo qual modo da impegni, ma per questo "libero" di incontrare,di sperimentarsi,di dedicarsi a qualcosa e a qualcuno.

È difficile parlare e scrivere di calcio, mentre una famiglia piange un figlio ucciso da un colpo di pistola durante gli scontri tra tifosi prima della finale di Coppa Italia. Ciro Esposito, il giovane tifoso napoletano, è morto questa mattina a Roma dopo 50 giorni di agonia. A nulla sono servite le cure: Ciro non ce l’ha fatta. La sua morte è il vero “fallimento” per il calcio italiano. Non il “fallimento” riconosciuto da Buffon, il capitano della Nazionale umiliata in Brasile.

Il 16 giugno hanno preso il via  i  campi di “E!state Liberi!”, che offriranno ininterrottamente, fino alla prima settimana di settembre, opportunità di conoscenza, confronto e scambio a oltre 300 volontari, tra singoli e gruppi organizzati. Un modo per costruire rapporti di reciprocità tra Nord e Sud dell'Italia sul tema dell'impegno antimafia. Si tratta di giovani – per lo più studenti –, ma anche di adulti provenienti da varie zone d'Italia (in modo massiccio, dal Trentino Alto Adige, dalla Lombardia, dall'Emilia Romagna, dalla Toscana e dalla Puglia).

Papa Francesco ai gesti senza precedenti ci ha in un certo senso “abituato”. Ma quella che ha scritto con la visita a Cassano allo Jonio e la scomunica dei mafiosi è davvero una prima volta che resterà nella storia. Mai un Papa aveva pronunciato una simile, inappellabile condanna nei confronti degli aderenti al crimine organizzato. Nemmeno Giovanni Paolo II nel pur memorabile “grido” della Valle dei Templi. Ventun anni dopo, Papa Bergoglio è andato oltre, ha varcato il Rubicone della massima sanzione possibile per la Chiesa. E questo, mentre ci fa capire la gravità della situazione, ci dice quanto il Pontefice chiami tutta la comunità ecclesiale ad impegnarsi in una guerra – quella al male – che non può avere tregua né quartiere.

Pagina 39 di 44

Comunicazioni

TIMETOCARE E' tempo di aver cura.

time to care banner

 

La libertà non ha pizzo.

la liberta non ha pizzo

Suor Maria Teresa Fioretti - Veglia di preghiera

IMG 20200720 WA0067

CANALE YOUTUBE

youtube duomopol

Emergenza corona virus - Servizio di assistenza gratuita agli anziani

Locandina azioni di solidarietaa 2

 

Notizia da AGENSIR

Servizio Taxi Sociale chiama il 3206405678

diamo vita ai giorni

8xmille

ORARIO MESSE - Chiesa della Trinità

Chiesa della Trinità

Sabato e prefestivi : ore  21.00

ORARIO MESSE - Chiesa Matrice S. Marina Vergine

 

Chiesa Matrice Santa Marina Vergine

Feriali:           ore 07.30  - 19.00

Sabato e  prefestivi:  ore 7.30 - 19.00

Festivi :          ore 07.00  - 09.00 - 10.00 - 11.30 - 19.30



Il vero esilio per gli Ebrei, affermava don Tonino Bello, si ebbe quando essi cominciarono a sopportarlo. Una frase che resettata ad oggi suonerebbe: "L'esilio della coscienza civile di un Paese si ha quando i cittadini cominciano a sopportarlo”. Con un po’ di storia, intelligenza e umanità intendiamo provare, facendo fino in fondo la nostra parte, a dissipare quest’ombra, lasciando nuove tracce. Con in mano e nel cuore il Vangelo di Gesù Cristo e la Costituzione repubblicana del nostro Paese, come comunità cristiana intendiamo impegnarci a condurre una lotta non violenta accanto a chi, immigrato irregolare, indigente, precario, disoccupato, indifeso, muore di troppo lavoro, di poca sicurezza, di assenza di diritti, di mancanza di tutele sociali, di mafia.