Feb 15, 2015

Alla scuola per genitori tanti consigli per accompagnare i figli nel web

Il non decalogo - 10 consigli non richiesti per accompagnare i figli nel web. La  scuola per genitori si sta dimostrando sempre più una s celta indovinata.

L’ultimo incontro dal titolo”Pescati dalla Rete. Per un’educazione digitale  che libera” non è stato da meno degli incontri precedenti. Anche questa volta, genitori  interessati e con la voglia di capire. E il Dott. Marco Grollo, che ha tenuto l’incontro, non ha deluso le loro aspettative. Come non ha deluso le aspettative d ei ragazzi di terza media della Salvemini,con i quali si è incontrato il giorno dopo. A conclusione  dell’incontro il Dott. Grolla  ha lasciato, dopo averlo commentato,l’allegato "non decalogo", utile ai genitori e a gli e ducatori e che pubblichiamo10 consigli non richiesti per accompagnare i figli nel web.

SCARICA IL NON DECALOGO (PDF)

Comunicazioni

Cammino di iniziazione alla vita cristiana

Orario Incontri di catechesi

Leggi tutto...

Festeggiamenti Maria SS. della Catena

MANIFESTO CATENA 2019

Lectio Divina

Lectio Divina Duomo Polistena

Comunità Parrocchiale S. Marina V. Polistena

LECTIO MENSILE (ore 21.00)
guidata da Suor Michela Refatto

 IN CAMMINO
SULLE ORME DI ABRAMO E SARA

 

   31 gennaio
Vattene Abram verso la terra  che ti indicherò

22 febbraio
L’Alleanza:  una promessa solenne di Dio

29 marzo
Il Signore ha udito il lamento di Agar

9 maggio
Il sorriso di Dio per Sara

6 giugno
Sul monte il Signore si fa vedere

 

Notizia da AGENSIR

Servizio Taxi Sociale chiama il 3206405678

diamo vita ai giorni

8xmille

AgenSIR

Servizio Informazione Religiosa

ORARIO MESSE - Chiesa della Trinità

Chiesa della Trinità

Giorni Festivi Mattina:

 ore 9:00

ORARIO MESSE - Chiesa Matrice S. Marina Vergine

 

Chiesa Matrice Santa Marina Vergine

Feriali:           ore 07.30 

Prefestivi :     ore 19.00

Festivi :          ore 07.00  - 10.00 - 11.30 - 19.00



Il vero esilio per gli Ebrei, affermava don Tonino Bello, si ebbe quando essi cominciarono a sopportarlo. Una frase che resettata ad oggi suonerebbe: "L'esilio della coscienza civile di un Paese si ha quando i cittadini cominciano a sopportarlo”. Con un po’ di storia, intelligenza e umanità intendiamo provare, facendo fino in fondo la nostra parte, a dissipare quest’ombra, lasciando nuove tracce. Con in mano e nel cuore il Vangelo di Gesù Cristo e la Costituzione repubblicana del nostro Paese, come comunità cristiana intendiamo impegnarci a condurre una lotta non violenta accanto a chi, immigrato irregolare, indigente, precario, disoccupato, indifeso, muore di troppo lavoro, di poca sicurezza, di assenza di diritti, di mancanza di tutele sociali, di mafia.