Noi non abbiamo i segni del potere, però c’è rimasto il potere dei segni,

il potere di collocare dei segni sulla strada a scorrimento veloce della società contemporanea,

collocare dei segni vedendo i quali la gente deve capire verso quali traguardi stiamo andando

e se non è il caso di operare qualche inversione di marcia

(don Tonino Bello)

 

Martedì, 10 Luglio 2018 19:23

Benvenuto Ministro Salvini! Sì, Benvenuto!
E nessuno si scandalizzi che a darle il Benvenuto sia un cittadino di questo Paese, che l’altro giorno, unitamente a migliaia e migliaia di persone, ha indossato una maglietta rossa per dire innanzitutto No a lei.
Sì, Benvenuto in Terra Calabra!

Venerdì, 06 Luglio 2018 14:06

La Parrocchia Santa Marina Vergine, l’Associazione “Il Samaritano” e l’Estate Ragazzi aderiscono all’appello di don Luigi Ciotti, presidente di Libera.

Martedì, 26 Giugno 2018 20:26

Al via la trentesima edizione dell'Estate Ragazzi, progetto educativo-formativo organizzato dall'Associazione “Il Samaritano” e dalla Parrocchia Santa Marina Vergine di Polistena.

Martedì, 12 Giugno 2018 11:59

Sui terreni confiscati riprende il cammino dello Stato verso la sconfitta definitiva delle mafie.

Mercoledì, 06 Giugno 2018 19:52

Anche quest’anno la Solennità del Corpus Domini è stata vissuta in modo unitario ed intenso dalle tre comunità parrocchiali cittadine.

Comunicazioni

PROCESSIONE della Statua di Santa Marina e delle statue dei Santi venerati in Città.

Aperte le adesioni per i portatori

Leggi tutto...

Festeggiamenti Santa Marina Vergine - Patrona della Città

SANTA MARINA Festa 2018

MALA'NDRINE - Anche i Re Magi sono della 'ndrangheta

Malandrine 18 luglio polistena

Servizio Civile 2017 - Bando e Allegati

servizio civile 2017 parrocchia sm vergine polistena

8xmille

AgenSIR

Servizio Informazione Religiosa



Il vero esilio per gli Ebrei, affermava don Tonino Bello, si ebbe quando essi cominciarono a sopportarlo. Una frase che resettata ad oggi suonerebbe: "L'esilio della coscienza civile di un Paese si ha quando i cittadini cominciano a sopportarlo”. Con un po’ di storia, intelligenza e umanità intendiamo provare, facendo fino in fondo la nostra parte, a dissipare quest’ombra, lasciando nuove tracce. Con in mano e nel cuore il Vangelo di Gesù Cristo e la Costituzione repubblicana del nostro Paese, come comunità cristiana intendiamo impegnarci a condurre una lotta non violenta accanto a chi, immigrato irregolare, indigente, precario, disoccupato, indifeso, muore di troppo lavoro, di poca sicurezza, di assenza di diritti, di mancanza di tutele sociali, di mafia.