Lug 15, 2014

Cafiero De Raho ai ragazzi di E!STATE LIBERI e di ESTATE RAGAZZI: Buttiamo fuori la ndrangheta

“Nel corso di una processione ad Oppido, segno del sentimento di devozione alla Madonna, la madre di Gesù simbolo della grazia, avere addirittura portato la statua a fare un inchino davanti alla casa del boss, è una vergogna senza pari, il sentimento religioso asservito alla solidarietà ‘ndranghetista, la strategia della ‘ndrangheta che vuole convertire la popolazione. Oggi la gente si accorge che la ‘ndrangheta insidia le libertà fondamentali, anche la libertà religiosa.

A Rizziconi, la ‘ndrangheta ha fatto cadere il Comune, inducendo la maggior parte dei consiglieri comunali a dimettersi. E’ ora di dire basta. E’ il momento di ribellarsi. Non si può più convivere con la ‘ndrangheta che va cacciata dai territori, isolata, in modo da recuperare le nostre libertà”. Così il procuratore capo della Dda di Reggio dott. Federico Cafiero de Raho, ieri pomeriggio, accogliendo l’invito di don Pino Demasi, ha parlato, all’interno di un palazzo confiscato, a tanti giovani, ragazzi sia del Sud, i 400 protagonisti dell’Estate Ragazzi organizzata dalla parrocchia del Duomo, che del Nord Italia, i volontari di Pisa e di Modena impegnati in uno dei campi estivi di “Libera” sui terreni confiscati e gestiti dalla coop “Valle del Marro”. Secondo Cafiero de Raho, “la ‘ndrangheta è ancora prepotente ed arrogante perché noi glielo consentiamo. Qui, fare il proprio dovere, sembra un fatto eccezionale. Il contrasto –ha aggiunto- deve essere unanime, parlando con un’unica voce. La gente si risvegli attraverso una ribellione civile”.

Attilio Sergio

Comunicazioni

Cammino di iniziazione alla vita cristiana

Orario Incontri di catechesi

Leggi tutto...

DAL 3 OTTOBRE IL CORSO DI PREPARAZIONE AL MATRIMONIO

Leggi tutto...

Notizia da AGENSIR

Servizio Civile Universale 2018 - Bando e Allegati

servizio civile universale

Servizio Taxi Sociale chiama il 3206405678

diamo vita ai giorni

8xmille

AgenSIR

Servizio Informazione Religiosa

ORARIO MESSE - Chiesa della Trinità

Giorni Festivi Mattina:
ore 9:00 

ORARIO MESSE - Chiesa Matrice S. Marina Vergine

 

Feriali e Prefestivi:
ore 7:15 - 18.30

Giorni Festivi Mattina:
ore 7:00 - 10.00 - 11.30

Giorni Festivi Pomeriggio:
18.30

 
 



Il vero esilio per gli Ebrei, affermava don Tonino Bello, si ebbe quando essi cominciarono a sopportarlo. Una frase che resettata ad oggi suonerebbe: "L'esilio della coscienza civile di un Paese si ha quando i cittadini cominciano a sopportarlo”. Con un po’ di storia, intelligenza e umanità intendiamo provare, facendo fino in fondo la nostra parte, a dissipare quest’ombra, lasciando nuove tracce. Con in mano e nel cuore il Vangelo di Gesù Cristo e la Costituzione repubblicana del nostro Paese, come comunità cristiana intendiamo impegnarci a condurre una lotta non violenta accanto a chi, immigrato irregolare, indigente, precario, disoccupato, indifeso, muore di troppo lavoro, di poca sicurezza, di assenza di diritti, di mancanza di tutele sociali, di mafia.