Nov 26, 2015

Celebrata in Parrocchia la Festa della Beata Gaetana Sterni.

Anche quest’anno il 26 novembre , Festa della Beata Gaetana Sterni, nella nostra Parrocchia non è passato inosservato.

La nostra comunità ha infatti accolto l’invito delle  nostre Suore della Divina Volontà ad unirsi a loro nella  preghiera di lode e di ringraziamento al Signore nel giorno della festa liturgica della loro fondatrice e  che ha coinciso quest’anno con la conclusione del loro anno giubilare per i 150 anni di vita della loro Congregazione.

Con semplicità  e devozione un nutrito gruppo di persone ha celebrato l’Eucarestia, presieduta dal Parroco, in rendimento di grazie e ha dato vita ad un’ora di Adorazione Eucaristica, durante la quale, ripercorrendo alcuni momenti  fondamentali della vita di Madre Gaetana, si è chiesto al Signore, datore di ogni bene, di “cercare , amare e compiere la sua volontà … sostenuti dalla testimonianza della beata Gaetana Sterni che nella volontà di Dio ha trovato e donato amore e pienezza”.
beata gaetana sterni festa2

Comunicazioni

Tutti x Tutti - Incontro formativo

Sovvenire Polistena

Notizia da AGENSIR

Festa Maria SS.ma della Catena

MADONNA CATENA 2018 min

Servizio Civile 2017 - Bando e Allegati

servizio civile 2017 parrocchia sm vergine polistena

8xmille

ORARIO MESSE - Chiesa della Trinità

Giorni Festivi

ore 09.00

ORARIO MESSE - Chiesa Matrice S. Marina Vergine

 

Feriali e Prefestivi:
ore 7:15 - 19.00

Giorni Festivi Mattina:
ore 7:00 - 10.00 - 11.30

Giorni Festivi Pomeriggio:
19.00

 
 



Il vero esilio per gli Ebrei, affermava don Tonino Bello, si ebbe quando essi cominciarono a sopportarlo. Una frase che resettata ad oggi suonerebbe: "L'esilio della coscienza civile di un Paese si ha quando i cittadini cominciano a sopportarlo”. Con un po’ di storia, intelligenza e umanità intendiamo provare, facendo fino in fondo la nostra parte, a dissipare quest’ombra, lasciando nuove tracce. Con in mano e nel cuore il Vangelo di Gesù Cristo e la Costituzione repubblicana del nostro Paese, come comunità cristiana intendiamo impegnarci a condurre una lotta non violenta accanto a chi, immigrato irregolare, indigente, precario, disoccupato, indifeso, muore di troppo lavoro, di poca sicurezza, di assenza di diritti, di mancanza di tutele sociali, di mafia.