Gen 31, 2019

DI MEMORIA IN MEMORIA Oltre le barriere

Il Giorno della Memoria non è una mobilitazione collettiva per una solidarietà ormai inutile.

È piuttosto, un atto di riconoscimento di questa storia: come se tutti, quest’oggi, ci affacciassimo dai cancelli di Auschwitz, a riconoscervi il male che è stato.

Commemorare e ricordare affinché tutto ciò non accada mai più.

Il titolo dell'evento che abbiamo inteso realizzare ci rimanda al senso più vero della parola "Memoria", spesso abusata e svuotata, ma mai condivisa, mai resa carne viva, mai diventata impegno.
Una memoria fatta di volti e di storie, di dolore e sofferenza che non può lasciarci indifferenti, soprattutto oggi che in Italia ed in Europa ritornano nuovi fascismi, movimenti violenti, azioni razziste e xenofobe.

• sabato 26 gennaio ore 16:00 
I bambini e le bambine del Centro di Aggregazione Giovanile "Luigi Marafioti" e i giovanissimi della Parrocchia Santa Marina Vergine - Duomo di Polistena restituiranno il percorso fatto durante il "Laboratorio di Memoria".
La giornata si chiuderà con la proiezione del film "Un sacchetto di biglie".

• domenica 27 gennaio ore 17:30 
Presentazione della mostra fotografica "La memoria rende liberi" di Deborah Cartisan

giornata memoria polistena 2019

Comunicazioni

Festeggiamenti di San Rocco

SAN ROCCO Polistena 2019

Festeggiamenti Santa Marina Vergine - Patrona della Città

SANTA MARINA Festa 2019

Libero Cinema in Libera Terra 2019

Libero Cinema in Libera Terra

Festeggiamenti Maria SS. dell'Itria

Maria SS Itria Polistena

Notizia da AGENSIR

Servizio Taxi Sociale chiama il 3206405678

diamo vita ai giorni

8xmille

AgenSIR

Servizio Informazione Religiosa

ORARIO MESSE - Chiesa della Trinità

Chiesa della Trinità

Sabato e prefestivi:

 ore 21.00

ORARIO MESSE - Chiesa Matrice S. Marina Vergine

 

Chiesa Matrice Santa Marina Vergine

Feriali:           ore 07.30 

Prefestivi :     ore 19.00

Festivi :          ore 07.00  - 09.30 - 11.30 - 19.30



Il vero esilio per gli Ebrei, affermava don Tonino Bello, si ebbe quando essi cominciarono a sopportarlo. Una frase che resettata ad oggi suonerebbe: "L'esilio della coscienza civile di un Paese si ha quando i cittadini cominciano a sopportarlo”. Con un po’ di storia, intelligenza e umanità intendiamo provare, facendo fino in fondo la nostra parte, a dissipare quest’ombra, lasciando nuove tracce. Con in mano e nel cuore il Vangelo di Gesù Cristo e la Costituzione repubblicana del nostro Paese, come comunità cristiana intendiamo impegnarci a condurre una lotta non violenta accanto a chi, immigrato irregolare, indigente, precario, disoccupato, indifeso, muore di troppo lavoro, di poca sicurezza, di assenza di diritti, di mancanza di tutele sociali, di mafia.