Dic 13, 2016

Don Ciotti incontra i genitori

In un Duomo gremito di genitori dei bambini dell'Iniziazione cristiana, è stato don Luigi Ciotti, fondatore e presidente del Gruppo Abele e di Libera, il protagonista dell'ormai consueto appuntamento mensile di riflessione promosso dalla Comunità parrocchiale Santa Marina Vergine - Duomo di Polistena.

Nel ricordare storie di fragilità e speranza di tante famiglie e bambini, don Luigi Ciotti si è innanzitutto soffermato sui disturbi alimentari, soprattutto sull'anoressia e sulla bulimia, di cui soffrono purtroppo migliaia di persone. Ha anche catechizzato i genitori presenti sulle drammatiche patologie che colpiscono quegli adolescenti dipendenti della rete e di un mondo virtuale. A proposito di droghe e della diffusione della cocaina tra i giovani, ha lanciato l'allarme sulle nuove e numerose sostanze che ogni anno vengono immesse sul mercato. "L'eroina del nuovo millennio -ha affermato don Luigi Ciotti- sono le slot machine, il gioco d'azzardo che crea dipendenze". Ha anche invitato tutti a non sottovalutare il problema dell'Aids. Nel riconoscere che fare il genitore è mestiere tra i più difficili, don Luigi ha innanzitutto parlato di "educazione corale", in quanto in una relazione ognuno deve essere educatore dell'altro. "Nella società di oggi -ha aggiunto- si comunica molto, ma si relaziona poco. Oggi più che mai, bisogna educare i figli a sentirsi parte di un nucleo familiare. Camminare accanto ai figli, aiutandoli a capire cosa avviene dentro di loro. Creare un dialogo, per aiutare il bambino a costruire una sana identità".

Per don Luigi Ciotti occorre anche porre dei limiti nel percorso di crescita, limiti che rappresentano anche una risorsa, in quanto è importante stimolare la capacità dei bambini a trovare le risorse per superare i limiti. Don Luigi si è quindi soffermato sull'importanza di educare alle regole. Ha anche invitato i genitori a stimolare la fantasia e la creatività dei bambini. Parlando di "ascolto emotivo", ha sottolineato l'importanza della disponibilità mentale all'ascolto. Nell'invitare tutti a liberarsi dai pregiudizi per cogliere l'imprevisto, ha chiesto di educare anche ad essere disponibili ad accogliere anche le cose spiacevoli. "L'educazione -ha affermato don Luigi Ciotti- è un sogno condiviso che ha bisogno di una rete di alleanze. Oltre alla famiglia e alla scuola, è indispensabile una città educativa, dove i valori si testimoniano". Soffermandosi sui ragazzi più grandi, attanagliati oggi dall'imitazione, dalla sfiducia e dalla ribellione, don Ciotti si è detto preoccupato in quanto le tentazioni sono tante ed il lavoro manca. "La ribellione va intercettata - ha affermato - affinché diventi una ribellione costruttiva. Offrire spazi ed opportunità ai giovani più grandi, i quali, hanno bisogno di adulti credibili e di punti di riferimento veri". Don Pino Demasi, parroco del Duomo, nel ringraziare don Luigi Ciotti per la sua consueta concretezza, ha detto ai genitori presenti: "tutti possiamo navigare bene. Apprendere e continuare a lavorare all'interno di un circuito di competenze".

POLISTENA
Attilio Sergio

Comunicazioni

Festa del Perdono

11 e 12 dicembre

Leggi tutto...

AVVENTO SECONDA SETTIMANA

PER PREGARE IN FAMIGLIA

Leggi tutto...

Cammino di iniziazione alla vita cristiana

Orario Incontri di catechesi

Leggi tutto...

Notizia da AGENSIR

Servizio Civile Universale 2018 - Bando e Allegati

servizio civile universale

Servizio Taxi Sociale chiama il 3206405678

diamo vita ai giorni

8xmille

AgenSIR

Servizio Informazione Religiosa

ORARIO MESSE - Chiesa della Trinità

Giorni Festivi Mattina:
ore 9:00 

ORARIO MESSE - Chiesa Matrice S. Marina Vergine

 

Feriali e Prefestivi:
ore 7:15 - 18.00

Giorni Festivi Mattina:
ore 7:00 - 10.00 - 11.30

Giorni Festivi Pomeriggio:
18.00

 
 



Il vero esilio per gli Ebrei, affermava don Tonino Bello, si ebbe quando essi cominciarono a sopportarlo. Una frase che resettata ad oggi suonerebbe: "L'esilio della coscienza civile di un Paese si ha quando i cittadini cominciano a sopportarlo”. Con un po’ di storia, intelligenza e umanità intendiamo provare, facendo fino in fondo la nostra parte, a dissipare quest’ombra, lasciando nuove tracce. Con in mano e nel cuore il Vangelo di Gesù Cristo e la Costituzione repubblicana del nostro Paese, come comunità cristiana intendiamo impegnarci a condurre una lotta non violenta accanto a chi, immigrato irregolare, indigente, precario, disoccupato, indifeso, muore di troppo lavoro, di poca sicurezza, di assenza di diritti, di mancanza di tutele sociali, di mafia.