Nov 12, 2017

Giornata Mondiale dei Poveri 2017

Non amiamo a parole ma con i fatti - Giornata Mondiale dei Poveri nella Comunità Parrocchiale Santa Marina Vergine, dal 15 al 19 Novembre 2017. Consulta il programma.

PROGRAMMA

Mercoledì 15 Novembre
ore 20.00 - Salone Parrocchiale
Lettura collettiva della "Laudato sii" con i ragazzi delle scuole superiori

Venerdì 17 Novembre
ore 21.00 - Chiesa Matrice
Lectio divina: "Il rispetto dovuto ai poveri" (Capitolo 2 della lettera di San Giacomo) guidata da Suor Michela Rabatto

Domenica 19 Novembre
ore 11.30 - Chiesa Matrice
Solenne Celebrazione Eucaristica dedicata alle vecchie e alle nuove povertà
ore 16.30 - Chiesa Matrice
Il Parroco commenta il Messaggio del Papa ai genitori dei bambini dell'iniziazione cristiana


La Parrocchia propone l'iniziatica "Un giorno con chi ha meno". Siamo sollecitati ad accogliere come ospiti privilegiati nella nostra casa (a pranzo, a cena o per un semplice caffè) una persona o una famiglia in disagio.

La Cooperativa Valle del Marro in questa giornata, all' Offertorio della Messa diocesana che sarà celebrata a Seminara, consegnerà al Vescovo della Diocesi 1.200 bottiglie di olio da distribuire ai poveri


Giornata Mondiale dei Poveri 2017

Comunicazioni

Giornata Mondiale dei Poveri 2017

Giornata Mondiale dei Poveri 2017

Dona un libro, un gioco al centro di aggregazione giovanile "Luigi Marafioti"

dona libro al centro polifunzionale

Servizio Civile 2017 - Bando e Allegati

servizio civile 2017 parrocchia sm vergine polistena

8xmille

AgenSIR

Servizio Informazione Religiosa

ORARIO MESSE - Chiesa della Trinità

Giorni Festivi

ore 09.00

ORARIO MESSE - Chiesa Matrice S. Marina Vergine

 

Feriali e Prefestivi:
ore 7:15 - 18.00

Giorni Festivi Mattina:
ore 7:00 - 10.00 - 11.30

Giorni Festivi Pomeriggio:
18.00

 
 



Il vero esilio per gli Ebrei, affermava don Tonino Bello, si ebbe quando essi cominciarono a sopportarlo. Una frase che resettata ad oggi suonerebbe: "L'esilio della coscienza civile di un Paese si ha quando i cittadini cominciano a sopportarlo”. Con un po’ di storia, intelligenza e umanità intendiamo provare, facendo fino in fondo la nostra parte, a dissipare quest’ombra, lasciando nuove tracce. Con in mano e nel cuore il Vangelo di Gesù Cristo e la Costituzione repubblicana del nostro Paese, come comunità cristiana intendiamo impegnarci a condurre una lotta non violenta accanto a chi, immigrato irregolare, indigente, precario, disoccupato, indifeso, muore di troppo lavoro, di poca sicurezza, di assenza di diritti, di mancanza di tutele sociali, di mafia.