Feb 7, 2017

Grazie a suor Maria Cristina de Candido

Dopo un lungo e sofferto periodo di malattia, sr Maria Cristina De Candido, già Superiora  Generale della Congregazione delle Suore della Divina Volontà, è tornata alla Casa del Padre.

Grati al Signore per avercela fatta incontrare e per la forte testimonianza di donna, di credente e di Suora che Sr Maria Cristina ci ha lasciato, ci uniamo nella preghiera ai familiari, alle nostre Suore e a tutta al Congregazione  delle Suore della Divina Volontà.

Una Messa in suffragio sarà celebrata Martedì 14 febbraio alle ore  18.00 in chiesa Matrice.

Siamo certi che dal cielo Sr. Maria Cristina continuerà a volerci bene e ad accompagnare il nostro cammino.

Comunicazioni

La libertà non ha pizzo.

la liberta non ha pizzo

Messaggio del Parroco per la ripresa delle celebrazioni liturgiche alla presenza del popolo

CANALE YOUTUBE

youtube duomopol

Emergenza corona virus - Servizio di assistenza gratuita agli anziani

Locandina azioni di solidarietaa 2

 

Notizia da AGENSIR

Servizio Taxi Sociale chiama il 3206405678

diamo vita ai giorni

8xmille

ORARIO MESSE - Chiesa della Trinità

Chiesa della Trinità

Sabato e prefestivi : ore  21.00

ORARIO MESSE - Chiesa Matrice S. Marina Vergine

 

Chiesa Matrice Santa Marina Vergine

Feriali:           ore 07.30  - 19.00

Sabato e  prefestivi:  ore 7.30 - 19.00

Festivi :          ore 07.00  - 09.00 - 10.00 - 11.30 - 19.30



Il vero esilio per gli Ebrei, affermava don Tonino Bello, si ebbe quando essi cominciarono a sopportarlo. Una frase che resettata ad oggi suonerebbe: "L'esilio della coscienza civile di un Paese si ha quando i cittadini cominciano a sopportarlo”. Con un po’ di storia, intelligenza e umanità intendiamo provare, facendo fino in fondo la nostra parte, a dissipare quest’ombra, lasciando nuove tracce. Con in mano e nel cuore il Vangelo di Gesù Cristo e la Costituzione repubblicana del nostro Paese, come comunità cristiana intendiamo impegnarci a condurre una lotta non violenta accanto a chi, immigrato irregolare, indigente, precario, disoccupato, indifeso, muore di troppo lavoro, di poca sicurezza, di assenza di diritti, di mancanza di tutele sociali, di mafia.