Gen 24, 2020

I nostri scout a fianco agli scout siciliani.

Riunione di Comunità Capi del 20 Gennaio 2020 - Gli episodi vandalici ai danni dei Gruppi Scout di Marsala e Mineo e per ultimo al Gruppo di Ramacca (tutti in Provincia di Catania) per mano delle organizzazioni criminali siciliane, si sommano ad una scia di atti vandalici che hanno coinvolto, negli ultimi mesi, molte sedi del Sud, soprattutto quelle che si trovano in beni confiscati alla criminalità organizzata.

Il centro di aggregazione siciliano, gestito dal Gruppo Scout Ramacca 1, è stato del tutto depredato dei suoi beni e vandalizzato nel peggiore dei modi, Un copione triste che, peraltro, si era già ripetuto nel 2016 nella medesima sede. Allo stesso modo il 12 Gennaio, nel corso del raid intrusivo, sono state asportate e scardinate, sia le porte interne, sia le finestre, oltre tutti gli impianti elettrici, gli interruttori, mobili e suppellettili. Quest’ultimo fatto aggiunge un ulteriore elemento di gravità, perché è avvenuto, anche questa volta, su un bene confiscato alle cosche locali. «Questi vigliacchi devono sapere che chi colpisce uno dei nostri gruppi, colpisce l’intera comunità scout. Cioè, tutti i 1.900 Gruppi dell’ AGESCI, attivi in Italia e ciascuno dei nostri 185mila associati».

È ferma la risposta dei Presidenti del Comitato nazionale AGESCI, Barbara Battilana e Vincenzo Piccolo, che hanno anche lanciato la campagna nazionale di raccolta fondi: #Piùbellediprima, per rimettere a posto i locali dei Gruppi Scout, vandalizzati negli ultimi mesi. Anche il gruppo Scout Polistena 1 si unisce alla grande Famiglia AGESCI ed aderisce alla campagna nazionale di raccolta fondi per risistemare le basi Scout danneggiate in Sicilia, a seguito dei raid di chiara matrice mafiosa. Alla luce, quindi, dei gravissimi fatti avvenuti il gruppo Scout Polistena 1 ESPRIME PIENA SOLIDARIETÀ E VICINANZA ALLE SORELLE E AI FRATELLI SCOUT SICILIANI, VITTIME DI TALI ATTI VANDALICI DI CHIARO STAMPO MAFIOSO.

Pertanto, Vi invitiamo, insieme alla Parrocchia Santa Marina Vergine e Libera – Associazione Nomi e Numeri contro le mafie a prendere parte al: Flash Mob Domenica 26 Gennaio alle ore 12:30 in Piazza della Repubblica a Polistena.

Oggi più che mai siamo chiamati ad affermare i valori della giustizia e della legalità sentendo forte la corresponsabilità dell’azione che ognuno di noi porta avanti nelle proprie realtà.

 

I Capi del Gruppo Scout Polistena 1
Parrocchia Santa Marina Vergine
Coordinamento Libera Piana di Gioia Tauro

Comunicazioni

Avvento 2020 - Preghiamo in famiglia

TIMETOCARE E' tempo di aver cura.

Graduatoria Curriculum Vitae Progetto Time To Care banner

 

La libertà non ha pizzo.

la liberta non ha pizzo

CANALE YOUTUBE

youtube duomopol

Emergenza coronavirus - Continua il Servizio di assistenza gratuita a chi si trova in difficoltà

Locandina azioni di solidarietaa 2

 

Notizia da AGENSIR

Servizio Taxi Sociale chiama il 3206405678

diamo vita ai giorni

8xmille

ORARIO MESSE - Chiesa della Trinità

Chiesa della Trinità

Sabato e prefestivi : ore  20.00

 

ORARIO MESSE - Chiesa Matrice S. Marina Vergine

 

Chiesa Matrice Santa Marina Vergine

Feriali:           ore 07.30  - 18.00

Sabato e  prefestivi:  ore 7.30 - 18.00

Festivi :          ore 07.00  - 09.00 - 10.00 - 11.30  - 18.00

 La messa delle 11.30 sarà trasmessa in diretta sulle pagine FB e sul canale Youtube "Parrocchia Santa Marina vergine- Duomo di Polistena"



Il vero esilio per gli Ebrei, affermava don Tonino Bello, si ebbe quando essi cominciarono a sopportarlo. Una frase che resettata ad oggi suonerebbe: "L'esilio della coscienza civile di un Paese si ha quando i cittadini cominciano a sopportarlo”. Con un po’ di storia, intelligenza e umanità intendiamo provare, facendo fino in fondo la nostra parte, a dissipare quest’ombra, lasciando nuove tracce. Con in mano e nel cuore il Vangelo di Gesù Cristo e la Costituzione repubblicana del nostro Paese, come comunità cristiana intendiamo impegnarci a condurre una lotta non violenta accanto a chi, immigrato irregolare, indigente, precario, disoccupato, indifeso, muore di troppo lavoro, di poca sicurezza, di assenza di diritti, di mancanza di tutele sociali, di mafia.