Feb 26, 2020

Quaresima 2020 : Schiodando si risorge

Iniziamo oggi il tempo favorevole della Quaresima.

 

La Quaresima è il «tempo forte» che prepara alla Pasqua, culmine dell’Anno liturgico e della vita di ogni cristiano. Come dice san Paolo, è «il momento favorevole» per compiere «un cammino di vera conversione», un cambiamento interiore e di pentimento in cui «il cristiano è chiamato a tornare a Dio “con tutto il cuore” e a non accontentarsi di una vita mediocre  ma, al contrario, impegnarsi per  vivere bene  secondo il Vangelo.

Dovremmo evitare allora due atteggiamenti.

Il primo, considerare la Quaresima come il tempo degli inutili gesti della ripetitività e delle formalità rituali inerenti alla passione e morte di Gesù.

Il secondo considerare la Quaresima come  il tempo dell’emotività con poca attendibilità. Un tempo in cui, al di là di tutto - qualche preghiera in più e qualche elemosina in più –, tutto comincia e resta com’era prima. 

LA quaresima allora vuole essere un cammino durante il quale siamo invitati a fare un passaggio fondamentale da praticanti, da spettatori della sacralità  a cristiani autentici credenti di Cristo morto e risorto che si offre per noi e ci riscatta da ogni forma di peccato.

La sfida sta allora nel fidarsi di Dio. Un Dio padre e amorevole che ci ama senza mai imporsi, ma chiedendoci di diventare determinanti in ogni gesto che siamo chiamati a realizzare.

Il clima di grande allarme sociale, d’insicurezza e d’ansia che si sta diffondendo a causa del coronavirus è anche il frutto di uno sguardo sulla vita che vorrebbe avere tutto sotto controllo, che fa fatica ad accettare la condizione umana fragile e vulnerabile e che, in fondo, ha cancellato Dio dall’orizzonte dell’esistenza. Pensavamo di poter controllare tutto, ma la realtà è più grande di noi e forse dobbiamo imparare a unire al giusto e appassionato impegno per vincere il male e le malattie, l’affidamento al vero Signore del mondo, creatore e Padre:  “ i conti sull’uomo, senza Dio, non tornano, e i conti sul mondo, su tutto il vasto universo, senza di Lui non tornano” (Benedetto XVI).

Forse allora la coincidenza tra il periodo del coronavirus ed il periodo di Quaresima diventa provvidenziale nella misura in cui viviamo veramente questo tempo come   tempo di purificazione e di maturazione della nostra fede, come tempo che  ci porta ancora di più a stringerci a Cristo Salvatore, con la preghiera personale e nelle famiglie: come facevano i nostri vecchi, quando si trovavano ad affrontare ben peggiori epidemie e malattie, senza togliere nulla all’impegno prezioso dei medici e degli operatori sanitari, e senza venire meno alle indicazioni di prudenza e d’igiene, riuniamoci nelle famiglie, utilizziamo la traccia di preghiera che si trova nel nostro sussidio quaresimale, prendiamo in mano la Bibbia, il Rosario e affidiamoci alla tenerezza e all’intercessione potente di Maria, e dei Santi nostri protettori.

Alla preghiera in famiglia, uniamo la celebrazione eucaristica domenicale e poi  il gesto della penitenza, del digiuno, della condivisione nella carità.

Condivisione nella carità che deve portarci  a guardare nel Cristo Crocifisso i tanti crocifissi della storia di oggi  ed impegnarci perché nessuno resti appeso alla croce, nessuno resti naufrago, nessuno resti emarginato, nessuno escluso, nessuno sia vittima della violenza mafiosa e non.

Ecco perché abbiamo  scelto per la  nostra Quaresima un tema molto bello e affascinante che abbiamo preso a prestito da un noto pastoralista, peraltro mio amico, don Antonio Ruccia :  Schiodando si risorge : una Chiesa di “schiodanti” per togliere i chiodi ai Crocifissi della storia.

La statua della deposizione che noi chiamiamo “la schiodata”, al centro della Chiesa per tutto il periodo quaresimale, sta a ricordarci questo impegno di una chiesa, comunità di uomini e donne consapevoli che   abbracciare i crocifissi non è peccato e che lasciare i crocifissi inchiodati è “omissione mortale”.

Una Chiesa di giovani  e meno giovani che oscillano tra strada e tabernacolo, di  famiglie aperte all’accoglienza e alla disponibilità, una chiesa capace di non idolatrare il denaro  e di vivere la carità fuori dai semplici parametri dell’elemosina e dell’avanzo.

Una Chiesa di uomini e donne capaci di essere più attenti alla vita delle nostra città, abbandonando il desiderio di dominare gli altri, camminando insieme, evitando scontri e contrapposizioni, parlando il linguaggio del noi e non dell’io.

  

Maria, la prima  schiodante e la serva del Signore ci aiuti a percorrere questa strada di libertà,  gioiosi di essere ‒ uniti in un solo spirito ‒ “degni cittadini del Vangelo” e “cittadini degni del Vangelo” (cfr Fil 1, 27).

Mercoledì delle Ceneri , 2020

Don Pino

 

Comunicazioni

Corso di preparazione al matrimonio 2020-21

inizio 7 ottobre ore 21.00 - Centro Padre Pino Puglisi

Leggi tutto...

TIMETOCARE E' tempo di aver cura.

time to care banner

 

La libertà non ha pizzo.

la liberta non ha pizzo

CANALE YOUTUBE

youtube duomopol

Emergenza corona virus - Servizio di assistenza gratuita agli anziani

Locandina azioni di solidarietaa 2

 

Notizia da AGENSIR

Servizio Taxi Sociale chiama il 3206405678

diamo vita ai giorni

8xmille

ORARIO MESSE - Chiesa della Trinità

Chiesa della Trinità

Sabato e prefestivi : ore  21.00

ORARIO MESSE - Chiesa Matrice S. Marina Vergine

 

Chiesa Matrice Santa Marina Vergine

Feriali:           ore 07.30  - 19.00

Sabato e  prefestivi:  ore 7.30 - 19.00

Festivi :          ore 07.00  - 09.00 - 10.00 - 11.30 - 19.00



Il vero esilio per gli Ebrei, affermava don Tonino Bello, si ebbe quando essi cominciarono a sopportarlo. Una frase che resettata ad oggi suonerebbe: "L'esilio della coscienza civile di un Paese si ha quando i cittadini cominciano a sopportarlo”. Con un po’ di storia, intelligenza e umanità intendiamo provare, facendo fino in fondo la nostra parte, a dissipare quest’ombra, lasciando nuove tracce. Con in mano e nel cuore il Vangelo di Gesù Cristo e la Costituzione repubblicana del nostro Paese, come comunità cristiana intendiamo impegnarci a condurre una lotta non violenta accanto a chi, immigrato irregolare, indigente, precario, disoccupato, indifeso, muore di troppo lavoro, di poca sicurezza, di assenza di diritti, di mancanza di tutele sociali, di mafia.