Apr 23, 2020

Ragazzi, dopo il Coronavirus, ritornate a sognare!

Lettera del Parroco ai giovani in occasione della Festa della Liberazione.

Carissimi ragazzi,

tra qualche giorno, Sabato 25 aprile, il nostro Paese festeggerà i 75 anni della nostra Liberazione.

Il mio dovere di educatore e di sacerdote mi impone, in occasione di tale ricorrenza, di rivolgermi anche quest’anno  a tutti voi, così come ho fatto negli anni precedenti.

Faccio questo, nella consapevolezza del mio dovere di educarvi, nella logica e nello Spirito di San Giovanni Bosco, a diventare “bravi cristiani ed onesti cittadini”, continuando a mettervi tra le mani il Vangelo e la Costituzione.

Lo faccio anche perché consapevole che uno dei doveri principali di noi adulti è quello di trasmettere memoria alle nuove generazioni, in quanto senza memoria non c’è futuro.

Lo faccio infine perché ritengo che l’anniversario di quest’anno ci trovi in una situazione particolare, molto simile, sotto certi aspetti, a quella che hanno vissuto i nostri antenati, 75 anni orsono.

Nel 1945, infatti, donne e uomini, giovani e meno giovani sono stati capaci di dare la vita per sconfiggere l’odio ed i totalitarismi, per regalare al nostro Paese la pace dopo la guerra.

I nostri Padri scoprirono l’importanza di rinascere insieme e grazie agli altri, a livello di singoli individui, di comunità e di popoli.

Ebbene, vorrei partire da questa eredità, che loro ci hanno lasciato, per cercare di trovare insieme a voi qualche coordinata che ci permetta di vivere questo 25 aprile come una nuova resistenza, resistenza non solo e non tanto contro il coronavirus, ma contro il virus delle paure, delle incertezze, degli egoismi.

E’ certamente un tempo inedito e drammatico quello che stiamo vivendo, di cui, un domani, dovrete trasmettere memoria ai vostri figli. La memoria non di un disimpegno, ma di un’esperienza di eccezionale valore, di una crisi profonda che è diventata invece un’opportunità di crescita e di crescita globale, di una tempesta che ci ha fatto capire che “non possiamo andare avanti ciascuno per conto suo, ma solo insieme” (Papa Francesco – omelia durante la preghiera straordinaria del 27 marzo).

Ed è questo, allora, cari ragazzi, il punto di partenza di questa nuova Resistenza. “Non è forse questa la tremendissima lezione del Covid19? Nessuno si salva da solo…il coronavirus ci insegna il valore della solidarietà” (Massimo Recalcati – La nuova fratellanza, in La Repubblica del 14.03.2020).

In questi giorni in cui siamo costretti a stare chiusi in casa, stiamo avvertendo maggiormente il bisogno di stare con gli altri. Ci manca la presenza fisica del ragazzo  o della ragazza, degli amici, dei compagni di scuola e/o di gioco, dei nostri insegnanti, dei nostri educatori, delle persone a noi care. Aveva proprio ragione Pietro Calamandrei quando affermava che “la libertà è come l’aria…ci si accorge di quanto vale quando comincia a mancare”. E allora questo bisogno di stare insieme agli altri non può, da ora in avanti, essere vissuto solo a livello emotivo. Si tratta invece di riappropriarsi di quel “noi” collettivo su cui abbiamo da sempre insistito e di quell’umano ed evangelico “prendersi cura gli uni degli altri”, che è stato alla base dell’impegno di alcuni di voi in questi giorni. Partiamo da qui per immaginare e costruire una nuova stagione di resistenza, fatta di nuovi stili di vita e di relazioni, di valori messi da parte e che oggi più che mai si rivelano essenziali.

Si tratta di ri-costruire un nuovo modello di società, ripartendo ancora una volta, per dirla con Bonhoffer, il teologo protestante ucciso dai nazisti il 9 aprile del 1945, “dal basso, dalla prospettiva degli esclusi, dei sospetti, dei maltrattati, degli impotenti. Degli oppressi e dei derisi, in una parola dei sofferenti” (D. Bonhoffer, ”Lo sguardo dal basso” in Resistenza e Resa).

Viviamo, allora, carissimi ragazzi il  prossimo 25 aprile, in questa logica.

Uniamoci, sì, ai momenti celebrativi via social. E’ importante anche questo per creare memoria e cultura. Ma soprattutto partiamo da questo 25 aprile, per costruire, dando spazio alle nostre energie positive, una nuova stagione di impegno e di resistenza a favore di politiche coerenti di medio e lungo periodo che abbiano al centro il rispetto della vita, l’equità e la sostenibilità, e contro chi, ad ogni livello, vorrebbe continuare a fare il proprio gioco ed il proprio interesse.  A partire dalle mafie, che stanno approfittando della crisi sociale ed economica di questi giorni per ottenere consenso e controllare il territorio, come ci stanno ricordando i nostri bravi magistrati, ai quali esprimiamo la nostra vicinanza ed il nostro grazie.

Oggi più che mai, ragazzi, sentiamoci tutti chiamati in causa, così come si sentì chiamata in causa la parte sana del Paese nella lotta contro le dittature, anch’esse ladre di libertà e di dignità.

Dopo il coronavirus, ragazzi, ritornate a sognare! Siate soprattutto voi, gli artefici della ricostruzione del nostro Paese.

Da parte mia, continuerò a starvi vicino e ad accompagnarvi, per quanto mi è possibile, in questo cammino.

In attesa di incontrarci nuovamente nelle nostre strade, nelle nostre piazze e nei nostri luoghi di vita, vi abbraccio tutti idealmente.

 

Don Pino Demasi

Comunicazioni

TIMETOCARE E' tempo di aver cura.

Graduatoria Curriculum Vitae Progetto Time To Care banner

 

La libertà non ha pizzo.

la liberta non ha pizzo

CANALE YOUTUBE

youtube duomopol

Emergenza coronavirus - Continua il Servizio di assistenza gratuita a chi si trova in difficoltà

Locandina azioni di solidarietaa 2

 

Notizia da AGENSIR

Servizio Taxi Sociale chiama il 3206405678

diamo vita ai giorni

8xmille

ORARIO MESSE - Chiesa della Trinità

Chiesa della Trinità

Sabato e prefestivi : ore  20.00

 

ORARIO MESSE - Chiesa Matrice S. Marina Vergine

 

Chiesa Matrice Santa Marina Vergine

Feriali:           ore 07.30  - 18.00

Sabato e  prefestivi:  ore 7.30 - 18.00

Festivi :          ore 07.00  - 09.00 - 10.00 - 11.30  - 18.00

 La messa delle 11.30 sarà trasmessa in diretta sulle pagine FB e sul canale Youtube "Parrocchia Santa Marina vergine- Duomo di Polistena"



Il vero esilio per gli Ebrei, affermava don Tonino Bello, si ebbe quando essi cominciarono a sopportarlo. Una frase che resettata ad oggi suonerebbe: "L'esilio della coscienza civile di un Paese si ha quando i cittadini cominciano a sopportarlo”. Con un po’ di storia, intelligenza e umanità intendiamo provare, facendo fino in fondo la nostra parte, a dissipare quest’ombra, lasciando nuove tracce. Con in mano e nel cuore il Vangelo di Gesù Cristo e la Costituzione repubblicana del nostro Paese, come comunità cristiana intendiamo impegnarci a condurre una lotta non violenta accanto a chi, immigrato irregolare, indigente, precario, disoccupato, indifeso, muore di troppo lavoro, di poca sicurezza, di assenza di diritti, di mancanza di tutele sociali, di mafia.