Apr 2, 2019

Restituzione Treno della Memoria 2019 UNO SPIRITO FORTE, UN CUORE TENERO

lunedì 1 aprile 2019 - Centro Polifunzionale Padre Pino Puglisi – Polistena (RC) - Ieri sera le sale del Centro Polifunzionale Padre Pino Puglisi hanno ospitato lo straordinario evento di restituzione del Treno della Memoria, promosso e organizzato dalle ragazze e dai ragazzi che hanno partecipato all'edizione di quest'anno.

 

Una sala gremita di genitori, autorità e decine di ragazzi ha accompagnato la splendida rappresentazione dei partecipanti.

Momenti di formazione e di consapevolezza eccezionali e commoventi hanno guidato il pubblico nella violenta storia della Shoah e della Seconda Guerra Mondiale.

I ragazzi e le ragazze, attraverso la lettura di testi e l'esecuzione di scene elaborate da loro stessi, hanno raccontato storie di sofferenza e di resistenza che hanno segnato quegli anni, hanno provato con semplicità e umiltà a condividere con i loro coetanei e soprattutto con i loro genitori l'importanza di aver fatto questo viaggio e di essere saliti su un treno dal quale non vogliono più scendere.

Il treno è quello della responsabilità individuale che attiva processi collaborativi e partecipati di impegno: un'impegno affinché l'orrore della Seconda Guerra Mondiale non si ripeta mai più, affinché, oggi più che mai, ciascuno faccia la propria parte per abbattere i muri ed eliminare le differenze.

Perché, come scriveva Vittorio Arrigoni, siamo convinti che “non esistano confini, barriere, bandiere. Credo che apparteniamo tutti, indipendentemente dalle latitudini e dalle longitudini, alla stessa famiglia, che è la famiglia umana”.

Tutto questo è stato possibile grazie alla prospettiva e l'intuizione della nostra Parrocchia Santa Marina Vergine, guidata dall'anima infaticabile di don Pino, che da sempre ha sostenuto e organizzato iniziative, come il Treno della Memoria, tese a sensibilizzare le coscienze, a formare buoni cristiani e onesti cittadini.

All'iniziativa hanno partecipato, inoltre, due attori istituzionali che grazie ad un contributo economico ci hanno dato la straordinaria opportunità di esserci.

Il Sindaco di Polistena, Michele Tripodi, e il Presidente del Consiglio Regionale, Nicola Irto, hanno sottolineato l'importanza per le Istituzioni territoriali di sostenere e promuovere iniziative come questa capaci di creare nelle giovani generazioni la voglia di partecipare alla vita pubblica attraverso organizzazioni di volontariato e di solidarietà.

Le conclusioni sono spettate a Paolo Paticchio, Presidente dell'Associazione Treno della Memoria, che ha detto di essere orgoglioso di prendere parte a questa iniziativa soprattutto al Centro Polifunzionale, bene confiscato alla 'ndrangheta e restituito alla collettività.

Il presidente ha continuato affermando che la 15esima edizione del Treno segna la bellezza di tanti anni di impegno e formazione ed ha concluso poi spronando tutti a valorizzare e a raccontare esperienze positive e di riscatto perché esiste un Paese migliore della narrazione di questi tempi.

Polistena, 2 aprile 2019

Comunicazioni

Festeggiamenti di San Rocco

SAN ROCCO Polistena 2019

Festeggiamenti Santa Marina Vergine - Patrona della Città

SANTA MARINA Festa 2019

Libero Cinema in Libera Terra 2019

Libero Cinema in Libera Terra

Festeggiamenti Maria SS. dell'Itria

Maria SS Itria Polistena

Notizia da AGENSIR

Servizio Taxi Sociale chiama il 3206405678

diamo vita ai giorni

8xmille

AgenSIR

Servizio Informazione Religiosa

ORARIO MESSE - Chiesa della Trinità

Chiesa della Trinità

Sabato e prefestivi:

 ore 21.00

ORARIO MESSE - Chiesa Matrice S. Marina Vergine

 

Chiesa Matrice Santa Marina Vergine

Feriali:           ore 07.30 

Prefestivi :     ore 19.00

Festivi :          ore 07.00  - 09.30 - 11.30 - 19.30



Il vero esilio per gli Ebrei, affermava don Tonino Bello, si ebbe quando essi cominciarono a sopportarlo. Una frase che resettata ad oggi suonerebbe: "L'esilio della coscienza civile di un Paese si ha quando i cittadini cominciano a sopportarlo”. Con un po’ di storia, intelligenza e umanità intendiamo provare, facendo fino in fondo la nostra parte, a dissipare quest’ombra, lasciando nuove tracce. Con in mano e nel cuore il Vangelo di Gesù Cristo e la Costituzione repubblicana del nostro Paese, come comunità cristiana intendiamo impegnarci a condurre una lotta non violenta accanto a chi, immigrato irregolare, indigente, precario, disoccupato, indifeso, muore di troppo lavoro, di poca sicurezza, di assenza di diritti, di mancanza di tutele sociali, di mafia.