Mag 12, 2015

Un nuovo atto doloso nei confronti della Coop Valle del Marro - tagliate un centinaio di piante su di un uliveto confiscato

Un vile atto doloso sull'uliveto confiscato in località Baronello, a Castellace, frazione di Oppido Mamertina. I soci della cooperativa, giunti sul posto per le attività lavorative, hanno scoperto immediatamente il taglio di alcuni filari. Dalla conta dei danni è emerso che ben 96 piante di ulivo sono state tagliate alla base, probabilmente con l'uso di accette. E' stata subito sporta denuncia ai Carabinieri della locale stazione.

 

La vista delle piantine in fiore, lasciate a terra,  ha suscitato rabbia e profonda amarezza nei soci e negli operai. «Ognuno di questi tagli è come un colpo vibrato al cuore. E' una vigliaccata, un'infamia intollerabile» è il commento di Domenico Fazzari, presidente della cooperativa.

«E' un grande dolore vedere spezzata la fragile vita di una pianta in crescita» ha aggiunto Sergio Casadonte, vice-presidente. «Ancora una volta un bene confiscato, simbolo del riscatto sociale, viene colpito. Contro un gesto così vergognoso reagisca tutta la società civile».

Un storia tribolata quella dell'uliveto di 11 ettari, assegnato alla cooperativa sociale nel 2005.

Nel 2011 un incendio doloso distruggeva cinquecento alberi secolari: andavano così in fumo  quattro anni di lavoro per ripristinare la produttività dell'uliveto. Un anno dopo, ad essere distrutto dalle fiamme,  è l’escavatore della cooperativa, che era all'opera su quel terreno per i lavori di espianto degli alberi bruciati.

Nel 2013 un impianto di 1200 piante di ulivo restituiva nuova vita a quel terreno, che sembra però non trovare pace, dopo l'ennesima violenza intimidatoria.

«Confidiamo nella Magistratura e nelle Forze dell’ordine» dichiara Domenico Fazzari, «affinché gli autori dell’atto intimidatorio vengano presto consegnati alla giustizia e sia scongiurato il verificarsi di ulteriori fatti criminosi. Quello dell'uso sociale dei beni confiscati alla mafia – continua Fazzari - è un tema sul quale non deve mai calare l'attenzione e l'impegno di tutti. Quando ciò succede, le mafie sono sempre pronte ad approfittarne. Malgrado questa nuova intimidazione, restiamo sereni. Continueremo ad andare avanti con l'impegno e la motivazione di sempre,  fiduciosi nell'intervento delle autorità».

Polistena 12 maggio 2015

Comunicazioni

Scarica l'opuscolo per la Quaresima 2018

Quaresima 2018

Servizio Civile 2017 - Bando e Allegati

servizio civile 2017 parrocchia sm vergine polistena

8xmille

AgenSIR

Servizio Informazione Religiosa

ORARIO MESSE - Chiesa della Trinità

Giorni Festivi

ore 09.00

ORARIO MESSE - Chiesa Matrice S. Marina Vergine

 

Feriali e Prefestivi:
ore 7:15 - 18.00

Giorni Festivi Mattina:
ore 7:00 - 10.00 - 11.30

Giorni Festivi Pomeriggio:
18.00

 
 



Il vero esilio per gli Ebrei, affermava don Tonino Bello, si ebbe quando essi cominciarono a sopportarlo. Una frase che resettata ad oggi suonerebbe: "L'esilio della coscienza civile di un Paese si ha quando i cittadini cominciano a sopportarlo”. Con un po’ di storia, intelligenza e umanità intendiamo provare, facendo fino in fondo la nostra parte, a dissipare quest’ombra, lasciando nuove tracce. Con in mano e nel cuore il Vangelo di Gesù Cristo e la Costituzione repubblicana del nostro Paese, come comunità cristiana intendiamo impegnarci a condurre una lotta non violenta accanto a chi, immigrato irregolare, indigente, precario, disoccupato, indifeso, muore di troppo lavoro, di poca sicurezza, di assenza di diritti, di mancanza di tutele sociali, di mafia.